Domenico Biscardi, leone da tastiera

31
190

ARTICOLO AGGIORNATO

Mimmo, di cui parliamo qui sotto, ha letto l’articolo e ci ha tenuto a dirci la sua opinione con un messaggio privato che ha inviato alla pagina:

A parte i commenti dei tuoi amichetti mi fa piacere che ogni tanto scrivi su di me nel bene e nel male l’importante è che ti ricordi sempre che esisto e che un giorno ci vedremo …. al contrario di tutti gli altri che non ti commentano io ti commento sempre mi piace ricordarmi di te ho la memoria lunga e buona la testa dura ribadisco quello che ho detto ormai sei alla canna del gas non manca molto mi diverto vedere che ribadisci sempre gli stessi argomenti senza avere nulla di nuovo cerca di trovare qualcosa di più aggiornato ormai sei diventato ridicolo per non dire patetico poi quando qualcuno mi vuole conoscere personalmente nessun problema scrivetemi in privato e ci vediamo ma non lasciate commenti stupidi qui sopra solo per esibizionismo le persone con le palle sono quelle che dicono le cose in faccia non su Blob di mozzarellari come questo hai visto che fine fanno i mozzarella rifà sulle da me li hanno arrestati già tutti…. ti auguro una buona giornata per quello che ti resta ancora hahahaha

Non credo serva commentare, vi lascio al mio articolo originale:

leone da tastiera

Tanti di voi che ci leggete da tempo sanno a chi mi riferisco quando parlo del Dottor Mimmo, ma credo sia carino fare un breve riassunto di chi lui sia. Dott Mimmo è l’affettuoso nomignolo che qui su BUTAC abbiamo dato al “Dott” Domenico Biscardi, amico della cara Gioia Locati, fuffaro di primissima scelta.

La prima volta che l’abbiamo “conosciuto” è stato proprio per merito di un’intervista che la Locati gli aveva fatto, dove raccontava di come il “Dott” stesse curando pazienti con il metodo Di Bella, non in Italia sia chiaro (visto che Mimmo non ha nessuna laurea che gli permetta di esercitare la professione nel nostro Paese) ma a Capoverde. Poi siamo tornati a parlare di lui visto che il caro Mimmo sosteneva che avrebbe esportato anche il metodo Vannoni sempre a Capoverde, dove evidentemente è ritenuto un grandissimo medico che cura un po’ di tutto. Altre volte avevamo parlato di lui in merito alle scie chimiche, e alle minacce che aveva rivolto a BUTAC.

LEGGI ANCHE:  Vaccino anti HPV, inutile? Ma per favore...

Oggi non parliamo di una bufala, ma di altre minacce che il Dott Domenico Biscardi ha rivolto a un blogger, caro amico di BUTAC, nella sezione commenti del suo sito.

Questo il commento che Biscardi ha scritto :

stai per chiudere i battenti ti resta poco …. tra non molto sentiremo il boom che farai insieme ai tuoi amici massoni.. e della disinformazione io resto sempre qui e lo stesso tu devi cambiare siti e profili per sopravvivere.. .. e per favore non far commentare ai tuoi amichetti .. come vedi sono solo loro . .. per altro .. mettici la faccia il nome il telefono e l’indirizzo come faccio io.. quando vuoi puoi venire a controllare di persona i mie titoli .. ma io vorrei venire a controllare di persona la tua autenticita’ … perche’ non i fai sapere chi sei dove sei .. e ci dai il tuo recaapito .. cosi magari ci veniamo in molti… noi siamo il paese della mozzarelle magari te ne porto un po di quelle originali… hahahahah ti mando i saluti della mia carissima amica gioia locati .. credo saprai gli esiti.. hahahahahahahaah

Poche righe sopra sempre Biscardi in altro commento aveva appena spiegato di essere un grande estimatore del lavoro di Rosario Marcianò:

ho grande stima di rosario e studio da anni le scie chimiche ed il loro impatto sulla salute specilmente quella mentale .. mi spiace di averti perso come cavia…

Anche qui offendeva. Perché questa è l’unica strada che i soggetti come lui conoscono, offese e minacce, minacce e offese. Non hanno altro da giocarsi, anche perché sono soggetti borderline, che agiscono al limite dell’illegalità, anzi, a volte il confine lo superano, specie Biscardi, come ci raccontava la Stampa:

Nel 2005 viene arrestato per associazione a delinquere e riciclaggio e sempre in quegli anni sbarca a Capoverde, dove sposa l’avvenente Dilma Dos Santos. Parte vendendo acque minerali, poi mette piede nella clinica di Murdeira dell’isola di Sal, dove inizia a dispensare a piene mani la «cura Di Bella».

Biscardi esercita abusivamente la professione anche in Italia, prima che i Carabinieri facciano irruzione nel suo studio di patologia anatomica a Caserta, sequestrando pacchi di ricette fotocopia della fantomatica cura anticancro.

Io mi chiedo, nel 2005 è stato arrestato per associazione a delinquere e riciclaggio, mette in piedi tutt’ora truffe di vario livello (l’abbiamo visto raccogliere offerte per Capoverde, spacciare false cure, farsi passare per medico); come è possibile che il signore in questione abbia ancora la voglia di fare il bullo? Forse le istituzioni dovrebbero rivedere i sistemi con cui puniscono soggetti come Biscardi, forse arrestarli non basta, forse sarebbe il caso di inibire loro l’accesso alla rete, come fanno negli States. E invece uno come Mimmo è ancora libero di offendere e minacciare, anche quando chi è soggetto delle sue minacce è un ragazzone che ha come unico difetto l’amore per la corretta informazione.

LEGGI ANCHE:  Le supercazzole di Mr Nò: Genova e il TAURUS MOLECOLAR CLOUDS (TMS?)

Lo stesso Mimmo sul suo profilo Facebook sostiene di esser medico e mille altre cosine davvero interessanti:

Non è un anatomopatologo, come non è stato un vice ispettore di Polizia, se proprio volessimo anche la laurea in Farmacia è arrivata solo alla soglia dei quarant’anni, siamo di fronte a un bugiardo patentato.

In giornata l’amico Daniele mi ha segnalato altre due perle di Mimmo:

Io mi vergogno di vivere in un Paese che permette a pseudogiornalisti di spacciare soggetti come Biscardi per medici, un Paese che non è in  grado di rendere un paranoico come Mimmo incapace di fare il bullo in rete, un Paese dove sono ancora tanti quelli che sono convinti che solo i Mimmo e i Rosario ci raccontino la “verità”, tutti gli altri fanno parte del complotto.

Non credo sia il caso aggiungere altro, ma le minacce non sono sicuramente la strada giusta per dialogare caro Mimmo, ricordatelo.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteIl “patronato” Agitalia
Articolo successivoIl Giornale scopre le bufale
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.