FERITA-MONTAGNOLA

Nella giornata di ieri mi avete segnalato in tantissimi questa fotografia, tutti a chiedermi conferma che si trattasse di un falso.

11188378_616280821837448_6695945582948020333_n

Non lo è, almeno a quanto mi risulta: la polizia ha caricato, e alcuni sono stati manganellati. Nell’angolo in basso a destra si vede chiaramente parte del logo del 118 con sotto la dicitura (leggibile solo in parte) Emilia Romagna, e subito sotto un altro logo che conosciamo. Non c’è dubbio, la foto è della zona di Bologna, cercandola in rete non la si trova da altre parti che sui social e su pagine di ieri. Fosse una foto datata le ricerche l’avrebbero evidenziato. Ma io non metto in dubbio che sia vera: già da oggi circola un video dove la ragazza viene intervistata da Rete Hobo. Sia chiaro, il sangue fa moltissima scena, ma in realtà non vedo gravi lesioni; mi è capitato, giocando a basket, di perdere la stessa quantità di sangue per contatti in campo… anche senza che venisse fischiato fallo.

Quello che metto in dubbio però sono determinati articoli che l’accompagnano:

Improvvisamente è partita una violentissima carica, dalle prime notizie ci sono una donna con un braccio rotto all’altezza della spalla e una ragazza con la testa rotta. Risultano inoltre due ragazze e un ragazzo fermati che intorno alle 18.00 sono poi stati rilasciati. L’ordine pubblico a Bologna continua ad essere gestito in maniera brutale.

Quello che viene fatto intendere in questi articoli è che la polizia abbia attaccato senza esser stata minimamente provocata. Questo è scorretto: la zona di fronte alla Montagnola, dove si trovava Renzi, è tutta recintata da un’alta inferriata in ferro. I poliziotti erano di fronte all’inferriata in assetto antisommossa, bloccati tra le sbarre di ferro alle proprie spalle e la folla di manifestanti di fronte a loro. Finché ci si è limitati alle urla in faccia tutto “bene”, ma al tentativo di sfondare, spintonando i poliziotti verso il muro, è stato dato l’ordine di reagire. I giovani manifestanti erano sì a volto scoperto ed indifesi da manganelli e scudi, questo è verissimo; ma non si stavano tutti limitando a stare tutti ordinati a cantare Renzi vaffanculo.

La cosa peggiore, perché dimostra la malafede di chi l’ha montato e messo online, è che il video che dimostrerebbe la carica “improvvisa” della polizia circola con un netto taglio tra i cori di protesta e le manganellate… Dove è finita quella manciata di secondi che nei video diffusi sul tubo manca? Beh, ad esempio è finita nel video che pubblica il Fatto Quotidiano, che inquadra bene come i manifestanti (precedentemente a breve distanza dal cordone di polizia) cerchino di spintonare il serpentone di agenti.

tentaivodisfondamento

E a quel punto la polizia risponde, prima di trovarsi schiacciata tra i manifestanti e il muro/inferriata che dista solo pochi metri dalle spalle degli agenti.

Qualcuno sia sui social che su qui sotto sostiene che io dica cose inesatte, che tra muro/inferriata e poliziotti ci siano svariati metri:

cordonepolizia

In rosso il muro, in blu  il cordone di polizia iniziale, saranno come già detto 4/5 metri, non di più! Nell’angolo a sinistra dove si vede una balaustra bianca nell’angolo vi sono i lampioni che nello screenshot poco sopra vedete allineati con i manifestanti…

Oltretutto sempre guardando il video del Fatto si nota la volontà di sfondamento, perché i manifestanti pacifici si voltano e si ritirano, mentre molti altri continuano a cercare la penetrazione, lo scontro. Se la sono cercata? Secondo me sì, e poi hanno cercato di eliminare le immagini che dimostrano che la polizia è stata provocata, tanto una foto con tutto quel sangue diventa virale in cinque minuti, specie se associata a video costruiti ad hoc, che eliminano il tentativo di sfondamento e mostrano gente che urla e poi gente che le piglia, nulla di più.

Non si vede il tentativo di sfondamento, no, quello è stato tagliato. E questo è sbagliato.

Tutto solo per cercare di fare chiarezza. Visto che si sostiene che qui non sto facendo fact checking, a Bologna ci vivo da sempre, e nelle foto che han circolato ho anche qualche faccia amica presente ai fatti e testimone oculare!

La violenza in risposta è stata esagerata? Può essere, nel video mostrato da Servizio Pubblico mi è parso di vedere molta rabbia da parte dei poliziotti, ma mi è parso anche di vedere chiaramente che dopo una prima carica si siano posizionati in modo da difendere quelli che erano rimasti a terra: se non si fossero disposti di fronte alla donna con un braccio disarticolato probabilmente sarebbe stata calpestata malamente da chi non l’avesse vista, preso dalla foga dello sfondamento. In fase di review qui sotto era andato perso il collegamento a Servizio Pubblico, ora dovrebbe funzionare, nel caso non lo faccia il video di cui parlo lo trovate qui.

Ma queste sono solo le mie misere considerazioni, non una sbufalata. Come stiano davvero le cose lascio che siate voi a deciderlo. So che tra le tante foto che ho visto circolare, sempre della stessa zona, sempre della stessa manifestazione, me ne sono capitate alcune non belle, da ambo le parti: poliziotti (che sono lì per fare un lavoro, se viene loro detto di non far passare nessuno non devono far passare nessuno) e manifestanti (che dicono di essere arrivati lì pacificamente e di non avere avuto intenzioni bellicose, quindi perché cercare di sfondare?).

maicolengel

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!