La serietà delle fonti

10
38

MAFIACAPITALE-ISIS

Qualcuno è tutt’ora convinto che testate come Mafia Capitale siano testate serie, che pubblichino notizie che altri non vi dicono, che fanno scoop di rilevanza nazionale.

Noi abbiamo più volte provato a mettervi in guardia da questa gentaglia a partire con la Black List creata ormai due anni fa, ma c’è poco da fare, i loro articoli circolano comunque, tanto, troppo.

Quella che mi appresto a fare ora è una delle sbufalate più veloci del web, la segnalazione mi arriva da uno che è probabilmente autore della fonte utilizzata. Che mi scrive così:

ciao sono uno dei famosi bufalo-comicari (come li chiami tu).

E ho una cosa un po’ singolare da segnalare. La fonte che ha questo articolo.

Quando l’ho visto stavo letteralmente morendo dalle risate… xD

Grazie bufalo-comicaro! La notizia è questa:

serietà delle fonti
L’Italia è alleata dell’ISIS, per questo non viene attaccata. NESSUNO NE PARLA!

O vi reputano degli imbecilli o vi stanno prendendo per il sedere alla grande, la fonte della notizia di cui nessuno parla è:

corierelogo

Sì, avete letto bene, il Corriere senza una R e senza una L, come il Giomale, come le tante altre testate che Neil vi ha segnalato qui. Un sito di notizie inventate. Sia chiaro, Mafia Capitale non nasconde nulla, linkano la fonte in fondo, con estrema tranquillità. Io lo capisco, come ci spiegava l’OCSE qualche tempo fa l’Italia ha un tasso d’analfabetismo funzionale elevato. Sfruttare questo per fare soldi sugli ignari utenti è un modo (che odio) per arrivare a fine mese con due soldi in tasca. Ma chi riesce a fare politica e propaganda sfruttando notizie inventate (oltretutto da altri, neppure lo sforzo d’inventarsele da soli) ha bene in mente chi sarà il suo pubblico tipo, che genere  di (e)lettori saranno.

E la cosa è decisamente preoccupante.

Ocio al sito web. Diffidate sempre. Come dice il Ninth: restate scettici.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedentePerle da Facebook: Il canone e Sanremo
Articolo successivoAspirina e pulizia del viso – Ne vale la pena?
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre duemila e trecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.