Sta ricircolando per l’ennesima volta questa storiella poco edificante su Nichi Vendola, storiella che ha radici antiche. Premesso a me Vendola non piace (come nessun altro politico italiano al momento), quindi questo breve pezzo lo scrivo sempre in merito alla corretta informazione e per cercare di fare luce sulle porcate che certi siti pubblicano solo per spargere sdegno e odio tra diverse fazioni (che siano politiche o di orientamenti sessuali poco cambia)!

Al momento il sito di CatenaUmana non è disponibile (che l’abbiamo tirato giù a furia di segnalazioni, può essere), ma loro è fin dall’anno scorso che ritirano fuori questa storia (fasulla e bufalosa)!

Le cronache risalgono al 1985 e ad un intervista riportata su Repubblica (intervista che potete trovare qui: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1985/03/19/il-gay-della-fgci.html)…e Vendola (giovanissimo) al termine dell’intervista rilasciava questa dichiarazione:

Certo l’ età conta, ognuno forma la propria cultura in un momento storico preciso. Non è facile affrontare un tema come quello della pedofilia ad esempio, cioè del diritto dei bambini ad avere una loro sessualità, ad avere rapporti tra loro, o con gli adulti – tema ancora più scabroso – e trattarne con chi la sessualità l’ ha vista sempre in funzione della famiglia e dalla procreazione. Le donne, da questo punto di vista, sono notevolmente più sensibili.

Dichiarazione che un altro direttore di un’altra testata avrebbe riportato interpretandola a proprio uso e consumo, così:

Eccoli i “moralisti” della sinistra tra cui anche Nichi Vendola che si è sentito offeso per il presunto comportamento del premier. Proprio lui? Infatti Vendola in una memorabile intervista a Repubblica datata 19 marzo 1985 pagina 4 sezione: POLITICA INTERNA, senza vergognarsi e senza preoccuparsi di dare scandalo, disse che bisognava concedere ‘ai bambini il diritto ad avere una loro sessualità, e ad avere rapporti con adulti’. “In sostanza il governatore illuminato della Puglia suppone che sia cosa giusta e buona fare propaganda alla pedofilia

https://www.facebook.com/note.php?note_id=10150132448350775&id=206397778185&ref=nf
si l’unica fonte per questa boiata è una pagina Facebook…il che mi porta a dire, chissà se l’ha scritto davvero Feltri o anche questa è una bufala (ma resto col dubbio, nessuno sembra aver smentito…quindi che dire)

LEGGI ANCHE:  La qualità della controinformazione

Da allora (era il 2010) la frase ha fatto il giro del web, rivista e reinterpretata come pare a chi la condivide… Di volta in volta Vendola diventa pedofilo, istigatore alla pedofilia, difensore dei pedofili ecc ecc Alcuni hanno provato a fare chiarezza in merito, riportando le stesse cose che sto dicendo qui sopra, ma evidentemente esiste un pubblico a senso unico in Italia, un pubblico di uTonti che piglia per buone bufale anche grosse, basta che a dirle siano quelli che stan loro simpatici.

AGGIORNAMENTO di marzo 2016:

Tanti hanno attaccato questo pezzo in questi giorni, visto che le polemiche su Vendola si sprecano dopo che ha avuto un bambino tramite la pratica dell’utero in affitto. Io non amo il personaggio in sé, non mi è mai piaciuto per certi modi di porsi, ma mi sono riletto quanto riportato due anni fa e continuo a ritenere il mio articolo corretto. Purtroppo l’analfabetismo funzionale di alcuni soggetti è tale da non esser in grado di capire l’uso delle parole, ma ce ne faremo una ragione, ci sono soggetti (e sono tanti) che anche di un testo breve (e semplice) continuano a capire fischi per fiaschi.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!