ACETOBUFALA

Non fai in tempo ad aprire la mailing list con il menù del giorno (che lo leggo a fare, poi tanto ordino la solita insalatona con condimenti a parte) che ti arriva la segnalazione di questo meraviglioso articolo de IlGiornale. No, non IlGioMale, ma proprio IlGiornale, quello di Indro. L’articolo poi viene ripreso pari pari da BlitzQuotidiano, il nostro amatissimo Voxnews e Notizie24ore.

Tutti copiano e incollano lo stesso pezzo di Sergio Rame:

L’aceto è stato bandito dalle mense scolastiche. Il motivo? Contenendo dosi infinitesimali di alcol, è proibito dal Corano.

Quanto deciso lunedì scorso a Verona dall’Azienda festione (sic!) edifici comunali è l’ennesimo caso di imbarazzante genuflessione della nostra Italia all’islam. Ancora una volta, infatti, consegniamo un altro pezzettino della nostra libertà nelle mani dei musulmani.

Come racconta L’Arena la Sodexo, società che ha vinto l’appalto per la fornitura dei pasti nelle scuole di tutta Verona, ha diramato ai propri dipendenti una circolare per dare“disposizioni relative alla somministrazione di aceto nei refettori per il condimento delle verdure crude”. Da lunedì scorso il condimento è stato bandito. I piatti saranno serviti solo con olio e sale. Per gli studenti che lo vorranno, però, la Sodexo prevede una bottiglia da lasciare sul tavolo o sul carrello delle vivande. Non sarà, quindi, completamente vietato condire l’insalata o un’altra verdura con l’aceto. Ma la circolare diramata la scorsa settimana è l’ennesima dimostrazione di quanto la scuola e, più in generale, la nostra società si stiano inchinando all’islam.

Andiamo a cercare su L’Arena e troviamo l'”articolo” originale del 10 gennaio:

L’aceto di vino è sparito

Sarei curioso di sapere come mai la ditta Sodexo, che ha in appalto la gestione delle mense scolastiche per conto dell’Agec, abbia deciso autonomamente di bandire l’aceto dalle mense, in quanto derivato dal vino. Il vino infatti è proibito da una certa religione, specificatamente quella isalmica. Ma mi domando, siamo in Italia o in un paese arabo?

Franco Ambrosi

VERONA

A me sembra che il signor Franco Ambrosi si sia preso la briga e di certo il gusto di trarre conclusioni affrettate. Forse (ma dico forse, eh) perché nutre sentimenti negativi nei confronti di tutti i musulmani?

Io ci ho messo 10 minuti scarsi ad arrivare sul sito dell’Agec. Ho cercato i menù scolastici, ho dato un’occhiata veloce e cosa ho scoperto? L’aceto nell’insalata e nelle carote non era presente nemmeno prima. Vi riporto di seguito i menù che sono riuscita a recuperare.

Carote julienne:  senza aceto
Cappuccio alla julienne: con aceto
Insalata: senza aceto
Insalata e finocchi: con aceto
Cappuccio e carote: senza aceto
Finocchi: con aceto
Insalata e radicchio: senza aceto

Qui possiamo trovare il menù della settimana corrente. Come potete leggere con  i vostri occhi, oggi lunedì 18/01/2016 come contorno erano previste o le carote o i finocchi. Finocchi che prevedono l’aceto.

Spero dunque che il sig. Ambrosi, quando il 10 gennaio scorso ha scritto questo articolo, lo abbia fatto basandosi sul menù della scorsa settimana che prevedeva come contorni o carote o insalata e radicchio – entrambi senza aceto.

Non aggiungo altro, mi sembrerebbe di sparare sulla Croce Rossa.

Questo 2016, giornalisticamente parlando, promette bene.

Thunderstruck @ butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!