Il solito Guglielmo Cancelli, in arte Bill Gates, è protagonista dell’ennesima segnalazione che abbiamo ricevuto svariate volte negli ultimi giorni.

Secondo alcuni siti:

Bill Gates Prevede 700.000 Vittime Dalla Vaccinazione per Coronavirus. Il danno accettabile

Il clima post-quarantena è terra di conquista per la “controinformazione”, occorre stare sempre all’erta. Cercando in rete la notizia la trovo in circolazione sul web americano sin da maggio 2020. Al punto che i fact-checker dell’Associated Press l’hanno già verificata per l’appunto il 20 maggio.

L’articolo che mi avete segnalato circolare in Italia è stato pubblicato il 17 luglio 2020 su DataBase Italia, che altro non è che l’emanazione dei fan italiani di QAnon. Che ovviamente non menzionano nessuno dei debunk già pubblicati della notizia, la rigirano come in origine, senza alcuna verifica, come se si trattasse di fatti conclamati.

Le cose non stanno affatto così

La notizia passata da DBI ci racconta:

Il miliardario americano Bill Gates è un attore importante nella crisi da Coronavirus e nel settore delle vaccinazioni in generale, finanzia in larga misura il programma di vaccinazione dell’OMS. Il suo sogno? vaccinare tutti i 7 miliardi di persone contro il COVID-19, compresi quelli già guariti. In un’intervista con la CNBC, Gates afferma che per ogni 10.000 persone si verificherebbe un danno da vaccinazione permanente e si aspetta 700.000 vittime.

Si fa riferimento a un’intervista della CNBC che però, se ascoltata con attenzione, non dice quanto riportato, spiega anzi che è proprio quello che si cerca di evitare. Vi riporto trascrizione e traduzione della parte incriminata:

Here, we clearly need a vaccine that works in the upper age range, because they’re most at risk of that. And doing that so that you amp it up so it works in older people, and yet you don’t have side effects. You know, if we have, you know, one in 10,000 side effects, that’s, you know, way more — 700,000, you know, people — who will suffer from that… So, really understanding the safety at gigantic scale across all age ranges… it’s very, very hard.

Abbiamo chiaramente bisogno di un vaccino che funzioni nella fascia d’età superiore, perché è quella maggiormente a rischio. E farlo in modo che lo amplifichi in modo che funzioni nelle persone anziane, senza che ci siano effetti collaterali. Se abbiamo effetti collaterali in un vaccinato su 10.000, si tratterebbe di 700.000 persone che ne soffriranno… Quindi, comprendere del tutto la sicurezza su vasta scala in tutte le fasce di età… è molto, molto difficile.

Gates sta spiegando che l’eventuale vaccino prodotto deve essere sicuro, perché se non lo fosse, visti i numeri in gioco, i rischi sono che tante persone ne soffrano. Sta avvertendo che bisogna farlo al meglio possibile, accertandosi che sia meno rischioso possibile. Non sta dicendo che siano accettabili quei numeri. Sta dicendo che non si può sbagliare, perché i numeri sono troppo grossi perché si possa tollerare un errore. Sia chiaro, è vero che ha parlato di 700mila persone, ma è il contesto che conta, sono i toni usati, la frase nel suo complesso, dove stanno le virgole, dove è la frase principale.

Riportare come abbiamo visto fare è inquinamento dell’informazione. Purtroppo l’atteggiamento dilaga su tanti media, e la massa è confusa…

Credo sia compito di ogni serio giornalista e divulgatore cercare di contrastare questa infodemia il più possibile, riportando corretta informazione con fonti autorevoli e verificabili. Evitando di dare spazio a chi queste fonti non le fornisce.

Non posso aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!