Su uno dei blog che da più tempo si trovano in black list è apparso l’ennesimo articolo contro il 5G. A questo giro si parla di alberi abbattuti perché, secondo la tesi di TerraRealTime, sarebbero un problema per la diffusione del segnale.

Ecatombe di alberi. tagliati perche’ intralciano il wireless del 5G!

Ma si tratta dell’ennesima sciocchezza antiscientifica sostenuta solo e unicamente per spaventarvi (e magari convincervi a comperare un cappellino contro l’elettrosmog).

Il giochino è di quelli facili facili, per allarmare più gente possibile bisogna colpire una alla volta le nicchie, quindi abbiamo visto come qualche mese fa cercavano di attirare gli animalisti raccontandoci di un’ecatombe di uccelli, poi i genitori parlando di anomalie fisiche sui bambini, e ora gli ecologisti con gli alberi.

In tutti i casi si riportano le parole di sedicenti esperti, senza veri testi scientifici a supporto. Tanto chi si allarma non andrebbe comunque a leggerli, basta l’idea che possano far male per fare squadra e trovare nuovi adepti della religione “contro”.

La foto diffusa da TerraRealTime ci mostra Place Gambetta a Bordeaux, dove, per riqualificare l’area, a novembre 2018 sono stati abbattuti dei castagni. Quello che TerraRealTime non vuole che sappiate è che il progetto di riqualificazione prevede che da 38 alberi che erano, ne vengano piantati 71.

L’obiettivo del progetto è quello di creare un dialogo tra le facciate ottocentesche e il pittoresco paesaggio di un giardino inglese, composto da una vasta gamma di specie arboree, con varie foglie e fiori, rinnovato per i prossimi anni: la piazza aveva 38 alberi, ce ne saranno 71 (spazio verde esistente di 2392 m2 / spazio verde di 3851 m2 di progetto).

Non vi sentite presi per i fondelli?

Il fatto che gli stessi siti che vi allarmano su vaccini, farmaci, antibiotici, wi-fi, microonde, olio di palma, glifosato, ogm lo facciano anche sul 5G dovrebbe farci suonare campanelli d’allarme, di quelli forti. Questi soggetti non sono minimamente interessati alla vostra salute, hanno prodotti da vendere. Libri, conferenze, magiche cure, cappellini, cornoletame, voi pensatene una, loro ce l’avranno. Perché tanto in un Paese dove ancora tanti si rivolgono a cartomanti e fattucchiere basta poco per convincere la gente a spendere soldi per cose inutili.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su Paypal! Può bastare anche il costo di un caffè!