FATEGIRAREDONNE

È arrivato l’arrotino…

No scusate quella è un’altra cosa.

Diffondo msg inviatomi dalla mia amica vigilessa:
FATE GIRARE IL PIÙ POSSIBILE, CONDIVIDETE E SOPRATTUTTO
Se nel vostro quotidiano vi capita di incrociare per strada o in altri luoghi comuni bambini che piangono e vi dicono : “Mi sono perso, portatemi a questo indirizzo…!!”

Così incomincia l’articoletto pubblicato su svariate testate online, gira con premesse simili da svariati anni, è il classico raccontino da terrorismo psicologico tanto caro ai fuffari. Fastidioso è quando una testata lo spaccia come cosa che ha sentito raccontare con le sue orecchie da una qualsivoglia figura autorevole. Classico sistema per dare più peso alla fuffa che segue!

Non fatelo nel modo più assoluto, prendete il bimbo e recatevi al più vicino comando di polizia o carabinieri, perché questo è un nuovo sistema inventato dai maniaci e da persone cattive e violenti che usano per adescare donne e poi violentarle.
PASSATE PAROLA – E SOPRATTUTTO PER LE DONNE CHE GUIDANO È IMPORTANTE LEGGERE QUESTE RIGHE.
Una sera, mentre percorrevo una via secondaria per tornare a casa, ho notato, sul seggiolino di un’auto ferma a bordo della strada, un bambino coperto da un panno.
Non so spiegare perché – e la ragione poco importa – ma non mi sono fermata…
Quando sono arrivata a casa, ho telefonato alla polizia dicendo dell’episodio e la Polizia mi ha assicurato che sarebbe andata a vedere, nel contempo, la Polizia mi ha informata che le bande di malviventi e i ladri stanno escogitando vari stratagemmi perché gli automobilisti (soprattutto donne) fermino il proprio veicolo e scendano dalla macchina in zone isolate.

Il metodo praticato da queste bande consiste nel posizionare una macchina lungo la strada con un falso bebè seduto dentro, aspettando che una donna si fermi per andare a vedere quello che crede essere un bimbo abbandonato.

1651247-1

Di solito la macchina in sosta è posizionata vicino a un bosco o un campo con l’ erba alta: la persona che ha la malaugurata idea di fermarsi sarà trascinata nel bosco, violentata, picchiata e derubata…

Colleghi debunker d’ogni razza, lingua ed età hanno sbufalato la storiella, e per questo mi lascia sconcertato che ancora ci siano testate che la facciano girare. Ma capisco che siano gentaglia a caccia di click, e fin qui “tutto normale”, quello che mi lascia sempre più allibito è vedere i commenti che seguono questo tipo di racconti:

  • Mondo di matti. Bisognerebbe girare con una bella pistola per farci giustizia da soli. Tanto in Italia vanno avanti e bene solo i delinquenti… Grazie governo!!!!
  • Queste sono alcune delle nuove tecniche utilizzate dalle gang criminali arrivate in Italia dall’ Est Europeo. Informate anche la Boldrini che non crede nell’alto grado di criminalità che esiste tra gli immigrati.
  • Se io mi attrezzo con una pistola ad acqua però con acido solforico,loro buttano le uova io acido cosa succede? Chi la vince?

Ma stiamo scherzando? pistole caricate con l’acido? Qua stiamo perdendo la testa per davvero, e chi pubblica questa fuffa dovrebbe venire sanzionato per istigazione all’odio, e invece anche paginette come quella da cui ho tratto questi commenti continuano a pubblicare, consci che nessuno li toccherà mai, il server è in Francia, chi ha registrato il dominio è una società web, che probabilmente non ha nulla a che fare coi contenuti della pagina, insomma, chi s’è visto s’è visto. Ma arriverà, spero, il giorno in cui tra algoritmi innovativa e aumento degli utenti alfabetizzati questa fuffa scomparirà dal web? Spero davvero di si, ma non ci conto…

maicolengel