phioshingapple

Un utente mi ha segnalato quella che credo potremmo definire una truffa,  ho cercato di indagare sui fattiq. A lui è stato rubato l’iPhone, dopo aver bloccato la sim e ripreso possesso del suo numero  ha ricevuto una chiamata da prefisso di Roma a cui ha risposto, ma invece che trovarsi a parlare con qualcuno gli è arrivato un messaggio che lo invitava a recarsi su un sito:

lost-support
Benvenuto nel supporto Apple, inserisci la tua ID Apple e la tua Password

Il sito lo si trova all’indirizzo it.support-lost .com, il dominio è registrato in Cina. Se tentiamo di accedere (ovviamente con username e password falsa) veniamo reindirizzati ad altra pagina:

lost-support2
Qui invece chiedono d’inserire nome, cognome, indirizzo, data (di nascita I suppose)

Insomma nelle due schermate ci chiedono d’inserire nostri dati personali, dati che potrebbero servire per sbloccare l’iPhone che ci è stato sottratto, o magari accedere al nostro profilo sull’Apple store per fare acquisti. Insomma i rischi ci sono davvero tutti. Il sito come vi ho detto risulta registrato in Cina, ma la mia indagine non poteva limitarsi a questo, perché dopo aver inserito i miei dati farlocchi mi sono accorto che venivano comunicati ad un altro dominio, albionfarnham.co .uk, il mio browser mi chiedeva se volevo memorizzare username e pwd di quest’ultimo, non di lost-support.com. Il sito albionfarnham risulta registrato ad una certa Amanda, di Farnham- Surrey, in Gran Bretagna. Non credo che Amanda c’entri nulla con la truffa in corso, ma qualcuno deve averle bucato il sito rendendolo un tramite per l’acquisizione dei dati che inseriamo su lost-support; le ho comunque scritto per avvertirla dell’uso improprio fatto del suo dominio.

Credo si possa definirlo phishing, lo so che quel “lost-support” può farvi sperare che ci sia qualcuno da Apple che vi contatta per ritrovare il vostro amato melafonino, ma stateci attenti, potrebbero rubarvi molto di più.

maicolengel at butac punto it

Ricordatevi di votarci ai MIA Macchia Nera Awards!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!