Questa è velocissima da sbufalare, in parte perché la descrizione dei fatti risulta comunque uTonta, e poi perché carinamente chi me l’ha segnalata ha provveduto anche ai link al video da cui son tratti i fotogrammi.

Narra la leggenda che in Toscana un furgone con dei cinesi a bordo affianchi i cani incustoditi, LI COSTRINGA CON UN COLTELLO a salire sul furgone e sparisca nel nulla.

Capite già che c’è un grosso problema, QUEL COLTELLO: quando mai un cane lo si minaccia con un coltello? Non è in grado di capire l’entità della minaccia, col coltello al massimo lo ammazzi, o lo ferisci molto seriamente. Invece nelle foto non vi sono tracce di sangue, si vede solo l’uomo allungarsi e poi subito dopo lo si vede caricare il cane sul furgone, il tutto senza MAI scendere. Bah, anche non me l’aveste sbufalata me la sarei andata a cercare…

E difatti nulla di tutto ciò succede; o meglio si tratta di cani rapiti, questo è chiaro, ma in CINA, e, come si evince dal video che mi avete postato, la povera bestia viene catturata non con un coltello ma con un qualche tipo di cappio!

Qui trovate il video a riguardo:
http://www.chinanews.com/shipin/2012/12-29/news150972.shtml

Con questo non voglio difendere chi compie atti di questo genere, anche fossero cani (e gatti e qualsiasi altra bestia) randagi meritano rispetto, non un trattamento così violento.

Mettere in circolazione queste immagini con quel testo è decisamente da imbecilli, si volevano attaccare i cinesi in generale? Bastava raccontare la realtà dei fatti IN CINA, e invece no, si vuole creare sdegno e intolleranza verso quelli che già son qui e in mancanza di meglio ci s’inventa le news. Tristezza, davvero!

Tutto ciò alle 16:43 del 31 Ottobre aveva già 6.334 condivisioni SEMILATRECENTOTENTAQUATTRO in una giornata o poco più! Gente con diritto di voto!

 

Maicolengel at butac punto it

Previous articleIl Corano a scuola a Milano
Next articleil Chip RFID
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.