RAGGI

Premetto, come sempre BUTAC non ama parlare di politica, anzi, se devo esser sincero ne farei volentieri a meno, non siamo nati con l’intento di farne, ma solo con l’intento della verifica dei fatti. Purtroppo le segnalazioni che arrivano via mail e messaggi alla pagina riguardano sempre meno UFO e complotti vari e sempre di più la manipolazione dell’informazione fatta da blog e testate giornalistiche.

L’immagine che circola ora è questa:

13895219_1582279425408653_2522058153623559111_n
STIPENDIO Capo di gabinetto: di Alemanno 275000 euro, di Marino 263000 euro, di Raggi 193000 euro

Come tutte le immagini che vediamo in rete la sua attendibilità è pari a quella di una voce sentita mentre si era in fila alla posta: nulla. Chiunque la condivida senza fare delle verifiche è obnubilato dalla fede politica e non è persona attendibile a mio parere. Ma andiamo a vedere i due casi che vengono citati oltre a quello del capo gabinetto del sindaco Raggi.

Io ho cercato a lungo, ma dello stipendio del capo di gabinetto di Alemanno Maurizio Basile non ho trovato traccia, oltretutto cercando noto con tristezza che su tante testate lo stesso viene chiamato Sergio Basile, generando ancora più confusione nella ricerca (la colpa è che se ne sono succeduti due di Basile, rendendo così difficili le verifiche); comunque del suo stipendio (per il breve periodo in cui ha ricoperto la carica luglio-dicembre 2010) non c’è traccia verificabile (aggiornamento, una traccia è stata trovata da una lettrice su FB, che mi ha linkato questo documento in PDF che parla di un compenso da 180mila euro, in linea direi con quello della Ranieri oggi). Quindi qualcuno mi dovrebbe indicare perlomeno la fonte da cui si arriva a dire 275mila euro. Non sto dicendo siano dati falsi, ma solo che senza documentazione sono perlomeno dubbi. Sia chiaro, gli stipendi della giunta Alemanno non erano pane secco e acqua piovana, e le cifre di cui stiamo parlando non sono così folli se si pensa alla responsabilità degli incarichi.

Veniamo invece a Luigi Fucito, capogabinetto sotto Marino, il suo compenso era di soli 73mila euro, ai quali però andavano aggiunti i 190mila che continuava a percepire come funzionario del Senato. Solo nel 2015 avrebbe rinunciato ai 73mila, per continuare ad incassare i 190mila dal Senato, che come vedete non sono poi così diversi da quelli che oggi percepisce il capogabinetto di Virginia Raggi. Quello però che è importante comprendere è che Fucito come capogabinetto di Marino percepiva  73mila euro, non 263mila.

Siamo però arrivati ad un punto fermo: Basile non si sa con certezza quanto percepisse e comunque è durato così poco al suo posto da non essere rilevante; Fucito come capogabinetto ne percepiva solo 73mila per merito delle altre entrate che aveva… va crocifissa la Raggi per lo stipendio offerto al suo nuovo capogabinetto? No, non mi pare, le cifre sono in linea con quelle di tanti altri manager e dirigenti pubblici. E sono in linea con lo stipendio che percepiva la stessa capogabinetto in quanto magistrato.

Quindi?

Le polemiche sono solo pseudopolitica, data in pasto ai lettori per farli discutere, per farli indignare, per parlare del nulla. Attendiamo, vediamo cosa saranno capaci di fare con quegli stipendi e solo dopo vediamo se se li meritavano o meno.

Se aveste la voglia e la pazienza di cercare vi accorgereste che ogni tot anni qualcuno tira fuori argomenti simili, gli stipendi d’oro vanno sempre di moda, per qualsiasi fazione si voti, e tutti, ma proprio tutti i partiti politici sull’argomento hanno da sempre qualche scheletro nell’armadio. Che un dirigente pubblico, se sa fare bene il proprio lavoro, incassi stipendi di questa entità non è scandaloso, è scandaloso se questo stipendio paga gente incapace, ma se sono capaci e fanno bene il proprio lavoro ricevere compensi del genere è in linea con gli standard.

Il mio compito credo possa ritenersi esaurito. Se condividete questo genere di roba sappiate che non state facendo informazione, ma da qualsiasi parte stiate state solo facendo il gioco che vogliono quelli che queste informazioni vi hanno passato.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!