Sta circolando la notizia che Checco Zalone avrebbe detto no a Sanremo e l’avrebbe motivato come riportato in questo post che circola sui social:

L’invito alla serata di Sanremo è strapagata ma sono soldi pubblici, se li prendo scoppiano le polemiche. Mi massacrano! (…) Mi fanno offerte tali che mi sento un po’ coglione a rifiutare, ma per me sarebbe uno schifo. Un tradimento. La gente mi viene a vedere, si diverte, mi vuole bene ed io prendo la mia faccia da cazzo e la metto a disposizione di un prodotto? Non si fa, non per fatto idealistico, ma per educazione” (Checco Zalone)

In realtà basta cercare per trovare l’intervista pubblicata da Vanity Fair l’11 gennaio 2019:

«Io superospite? Sono balle. Sarò in Kenya, come faccio a tornare? E poi non ho il coraggio di andare all’Ariston, è un palco difficilissimo», racconta il comico pugliese in un’intervista alla trasmissione di Radio 2 I Lunatici. «Sono timido, restio a rilasciare interviste, non perché sia snob ma perché penso che il pubblico meriti delle risposte interessanti. Spesso pensano che la mia sia una strategia, che non rilascio mai dichiarazioni o interviste perché sono uno snob, ma non è così. Se non ho cose interessanti da dire, che parlo a fare?»

Quindi è una bufala quello screenshot con il virgolettato di Checco Zalone? No, in effetti la frase è stata detta dall’attore comico pugliese, ma nel 2016:

Ti fanno offerte tali che ti senti un po’ cogl*one a rifiutare. Sarebbe uno schifo. Un tradimento. La gente ti viene a vedere, si diverte, ti vuole bene… e tu prendi la tua faccia da caz*o e la metti a disposizione di un prodotto? Non si fa. E non per afflato idealistico, ma per educazione. Poi c’è anche un problema di convenienza. Se ti vedono tutti i giorni in tv negli spot, quattro volte il pomeriggio e sei la sera, perché poi dovrebbero venirti a vedere al cinema?

La frase, in seguito al suo no a Sanremo 2016 era apparsa in un articolo su Sette del Corriere della Sera, riportata all’epoca da tante testate. La ragione per il no del 2019 però sembra sia diversa, Zalone è in Kenya a girare il suo film. Far girare uno screenshot del 2016 forse non ha molto senso.

maicolengel at butac punto it

Se ti piace BUTAC, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleSiedi il bambino… (dice la Crusca)
Next articleQuestioni di razza nei moduli ASL
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.