Su un profilo Facebook il 27 novembre è stato pubblicato un video con questa singola riga di commento:

Quando non si è all all’altezza del lavoro. Guardate cosa succede ad una persona protetta messa in mano a degli incapaci

In una settimana oltre 10mila condivisioni da quel profilo, oltre un milione di visualizzazioni.

Ma si tratta di una scena di un film, come si evince chiaramente guardando con attenzione i primissimi fotogrammi del video. In alto potete vedere chiaramente la troupe.

Hanno una telecamera abbastanza evidente appesa a un braccio mobile, credo si chiami camera crane… Ma non vorrei sbagliare.

Io non so perché il signor Francesco Sciuto ha condiviso il video con quel post, se si sta divertendo a trollare, se anche a lui l’han girato e ci crede, non lo so, non m’interessa, quello che vorrei è che smetteste di segnalarlo, e magari spiegaste a Facebook che si tratta di un fake. Che stiano trollando o meno poco importa, quello che importa è l’effetto che fa… e in un Paese con le nostre percentuali di analfabetismo funzionale e mancanza di spirito critico tutte queste cose sommate fanno danni. Se una volta faceva sorridere veder quelli che ci cascavano oggi onestamente mette i brividi, più italiani sono online e più ci si rende conto di quanti pochi siano quelli che davvero si fermano a riflettere qualche secondo.

Per fortuna non ci sono solo quelli, e nei commenti via via che passano i giorni, aumentano quelli che mettono in luce l’evidente fake…

Non ho onestamente voglia di aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!