ermesafgano

Qui chi ci casca o è sotto ai 15 anni o merita davvero la gogna mediatica:

zinghiri2

L’articoletto che circola è tutto qui, poche righe:

Firenze- Chissà cosa si prova a essere strappati violentemente dallo sguardo della propria madre , a perdersi nel vuoto di un abbraccio di una sconosciuta che ti prende per una gamba, ti solleva, ti scuote stringendoti con violenza e corre verso l’ignoto di un’altra vita. Chissà quale traccia, profonda e dolorosa, rimarrà nella memoria di Paoletto, un neonato di 8 mesi che martedi è stato sequestrato da parte di una nomade nel cuore delle viscere rumorose della città di Firenze. La zingara, presa dall’ansia di essere inseguita e presa ha gettato il bimbo nelle vicinanze di ponte Vecchio. I sub della squadra mobile stanno ancora perlustrando la zona ma per ora nessuna traccia  condoglianze a tutta la famiglia

Le poche righe scritte sono decisamente tragiche, il problema è che sono totalmente inventate. Mentre la foto che le accompagna altro non è che la famosissima Afghan Girl, fotografia del 1984 realizzata da Steve McCurry e che valse la copertina del National Geographic nel 1985.

La giovane ragazza afghana non ha mai saputo della notorietà della foto fino al 2002, ed oggi è tornata sulle pagine di cronaca per ragioni completamente differenti, sembra difatti che sia lei che i suoi due figli siano specializzati nella fabbricazione di documenti falsi…

Come falsa è la notizia della zingara che per non farsi prendere ha buttato nel fiume il piccolo bambino rapito. A cascarci ci vuol proprio un uTonto vista la foto che accompagna il pezzo! La foto difatti è stata votata come la copertina del National Geographic più famosa di tutte. Ed è comparsa negli ultimi 30 anni quasi ovunque. Non accorgersene significa aver vissuto in una grotta tutto questo tempo.

La storia del suo arresto per falsificazione di documenti è piena di dubbi e cose non spiegate, anche se sui giornali italiani la si è riportata tale e quale. Si parla di esser stata arrestata insieme ai suoi due figli maschi. Ma nel 2002 quando McCurry e il National Geographic la ritrovarono i figli erano tre: un bebè, una bimba di tre anni e una ragazza di 13. Da dove saltano fuori questi due figli già adulti?

afghangirl2

Nessuno dei giornalisti italiani che hanno riportato la vicenda era interessato ad indagare tanto la fonte erano testate come il Daily Mail e l’Huffington Post americano, come non fidarsi… Ma sembra che i due figli in realtà non abbiano alcuna relazione con lei, ma siano stati identificati da lei come figli per giustificare i documenti fasulli. Insomma più che una storia di veri crimini si parla di un sistema (sfruttato da tanti) per poter viaggiare tra l’Afghanistan e il Pakistan. Ma questa è un’altra storia…