Halloween, festa pagana importata da poco anche nella cattolica Italia…e con la festa arrivano le bufale…
Circola da agosto la notizia che ogni anno in Italia vengono uccisi 35.000 gatti neri per non ben precisati riti satanici.La notizia da qualcheduno è stata stravolta…e ha iniziato a circolare un appello che racconta che questi 35000 sono uccisi proprio ad Halloween e suggerisce di tener il proprio gattino nero chiuso in casa già da oggi e liberarlo passata la festa. La notizia è doppiamente bufala:

La storia dei 35.000 gatti neri che vengono uccisi ogni anno NON HA NESSUN fondamento se non un sito che si chiama AIDAA…qui trovate la home page:
http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/
Non si è capito perché e percome il titolare di questo sito riesce a spacciare le sue notizie all’ANSA e a farle girare sugli organi di stampa…senza mai citare una fonte attendibile, sui 35.000 gatti neri non c’è alcuna fonte citata:
http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2013/08/35000-gatti-neri-uccisi-per-riti.html

In un articolo su greenme dove attaccavano il titolare del sito (Lorenzo Croce), il signor Croce replicava con una lettera dove diceva (testuali parole riportate da greenme – http://www.greenme.it/informarsi/animali/6926-aidaa-fatti-misfatti):

“Sui numeri non mi soffermo, ripeto come ho detto sempre la disponibilità a verificare le fonti all’origine. Siamo qua. Ad OGGI NESSUNO HA CHIESTO DI VEDERE LE FONTI DEI NOSTRI COMUNICATI.”

Saranno sempre pronti ma sul blog dell’associazione non c’è una mail, un contatto, nulla! E’ impossibile lasciare un commento ma solo leggere attoniti… Avrei volentieri scritto al signor Croce per avere info in merito, ma non ci sono riuscito!

l’AIDAA oltretutto si vende come sito animalista…ma andando a guardare il sito con attenzione è un miscuglio di informazione pro animali, politica e bufalette…

Previous articleLa grande eurotruffa?
Next articlePignoramenti sulle pensioni
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.