Ci avete segnalato un post che purtroppo senza screenshot non avrei potuto verificare, visto che il soggetto che l’ha pubblicato ha ben pensato di bloccarmi dalla sua bacheca (chissà come mai).

Bartolomeo Pepe: Questo è un camion per fare i tamponi di emergenza da notare il marchio Ricorda molto la maschera del pedofilo satanista arrestato a Firenze.

Il senatore Pepe sta riportando tale e quale la stessa identica disinformazione messa in circolazione dai seguaci di QAnon, teorici del complotto che da anni stanno tentando di trovare viralità, e pare che col lockdown in Italia ci siano riusciti alla perfezione.

Se il caro Pepe avesse perso quel secondo di tempo per fare due ricerche avrebbe scoperto che il camion a cui fa riferimento è costruito da un’azienda che si chiama Aardvark, che non è altro che la traduzione di oritteropo, unica specie vivente dell’ordine dei Tubulidentati.

Lui:

Vi pare un animale satanico? Che incute paura? A me onestamente pare sia un animale decisamente carino, non ha nulla a che fare con Anubi, che è quello nella maschera rappresentata da Pepe. Per un certo periodo si è pensato che fosse alla base delle raffigurazioni della divinità egizia Seth (non Anubi) ma gli studiosi pare abbiano escluso questa ipotesi.

L’azienda proprietaria dei camion esiste da oltre dieci anni, sempre con lo stesso nome, hanno partecipato alle olimpiadi del 2010 coi loro camion “evento”. E nel corso degli anni hanno portato  il loro marchio in giro per tutto il mondo. Sono specializzati in camion per trattamenti medici intineranti. Cosa che negli Stati Uniti è molto più comune di quanto possiamo credere. Sono difatti tanti i centri abitati con troppi pochi cittadini da avere una struttura sanitaria fissa. E così si sfruttano camion come i loro per portare i medici dai pazienti, invece che il contrario.

L’azienda ha quel nome e quel logo da tempo, accusarla oggi di essere satanisti adoratori di Anubi è davvero sciocco.

Non credo di poter aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!