Circola un’immaginetta su Facebook, di quelle che ci piacciono tanto.

In primo piano il faccione di Roberto Saviano:

Il testo che appare nell’immagine ci racconta:

2014 morti in mare 3538

2015 morti in mare 3771

2016 morti in mare 5096

2017 morti in mare 3116

2018 morti in mare 972 (al 28/6)

(Fonte Amnesty International)

Volevo sapere di preciso perché Saviano stava muto e senza maglietta rossa. Cervello non pervenuto e ipocrisia che gronda.

Amnesty International

Il post non riporta link a fonti di alcun genere, pur citando Amnesty International. Ma i numeri che trovo riportati da Amnesty non sono gli stessi. L’ultimo report pubblicato da loro risale al 2017 con numeri differenti da quelli che usa la nostra Maria, e comunque quei numeri avevano altre fonti.

2014 – 3165 morti

2015 – 2876 morti

2016 – 4581 morti

2017 (fino a giugno) – 2072 morti

Che siano grandi o piccole differenze sono tutte vite umane in più, ma procediamo oltre. Cercando trovo il Giornale Italiano delle Nazioni Unite che il 4 luglio pubblicava un resoconto delle statistiche UNHCR:

Agghiaccianti statistiche dell’UNHCR:  quasi 1.400 tra profughi e migranti sono morti o dispersi nel Mediterraneo dall’inizio del 2018.

Sia chiaro, questo non inficia il dato di 968 a fine giugno (pur non trovandolo riportato da altri), ma fa capire come bastino pochi giorni con molte partenze per alzare subito la stanghetta dei morti.

UNHCR

Sulla pagina UNHCR trovate comunque un comodo e agghiacciante grafico in tempo reale, che ad oggi ci mostra che:

 

Arrivati per mare nel 2018: 54697
Morti e scomparsi nel 2018: 1410

Anni precedenti Arrivi dal mare Morti e scomparsi
2017 172,301 3,139
2016 362,753 5,096
2015 1,015,078 3,771
2014 216,054 3,538

 

I numeri sono ancora una volta diversi, ma ritengo quelli di UNHCR i più affidabili perché hanno più dati su cui basare le proprie valutazioni. Monitorano in tempo reale la situazione, e spiegano anche loro che si tratta di stime. Appare lampante del fatto che gli arrivi sono in diminuzione, nel 2016 erano oltre 350mila, nel 2017 “solo” poco più di 170mila. Nel 2018 ad oggi sono poco più di 50mila. Ovvio che meno sono in viaggio meno rischi ci sono che ne muoiano. Bisogna però ricordare, come spiegava Amnesty nel suo report del 2017 che:

These figures are mere estimates, as only the number of people arriving and bodies retrieved at sea are certain. There is no official information about the number of boats and people departing. Considering that an inflatable rubber boat in 2016 carried on average 122 people (Italian Coast Guard estimate), unknown shipwrecks with no survivors would significantly alter recorded mortality rates.

che tradotto:

Queste cifre sono semplici stime, in quanto solo il numero di persone che arrivano e i corpi recuperati in mare sono certi. Non ci sono informazioni ufficiali sul numero di barche e persone in partenza. Considerando che un gommone gonfiabile nel 2016 ha trasportato in media 122 persone (stima della Guardia costiera italiana), relitti sconosciuti senza sopravvissuti altererebbero significativamente i tassi di mortalità registrati.

E veniamo a Saviano

Davvero dovete spiegarmelo questo accanimento. Perché non lo trovo sensato, a meno che a muovere le fila non ci sia davvero qualche mafioso. Tutto è possibile, visto che altro oggetto di odio su Twitter è Federica Angeli. Fino a sei mesi fa il bersaglio preferito del bufalaro medio era Laura Boldrini, che pian pianino sta procedendo legalmente contro chi l’aveva diffamata. Dovrà fare lo stesso Roberto Saviano?

Perché vedete, qui non siamo di fronte a troll o gente che si nasconde. Maria ci mette nome e cognome nel diffondere il suo meme, e il suo profilo è decisamente pubblico.

Che stia simpatico o no, Saviano – per la cronaca – da anni cerca di porre l’attenzione sui migranti via mare. Questo video è di agosto 2017, ad esempio:

Oppure nel 2016, su La Repubblica, con l’articolo Basta muri. E potrei andare avanti a lungo con link a sue prese di posizione dirette a favore dei migranti durante i precedenti governi, ma tanto trovereste altro per attaccarlo. E qui mi ripeto, capisco benissimo che non abbia la faccia da simpaticone e che tutti abbiamo diritto alle nostre opinioni. Ma di tanti soggetti che si definiscono “di sinistra” perché questo accanimento contro uno che ha denunciato la mafia? Siete proprio sicuri che vada tutto bene? Non ci trovate nulla di strano?

Ah, dimenticavo, per i geni che a questo punto diranno, eh vabbè ma tutto questo impegno verso i terremotati non l’ha mai messo:

E per rimarcare, un articolo di Roberto Saviano del 2016, sempre su La Repubblica: La lunga marcia dei volontari. Ve lo lascio immaginare, si parla di terremoto.

Concludendo

Giusto per rincarare la dose, il meme della signora Maria ha come scopo dare a intendere che per merito del nuovo governo ci siano meno morti in mare, ma a giugno 2018 il governo si era appena insediato, ci fossero meriti sono quelli che vanno dall’insediamento ad oggi, purtroppo non ritengo che possano considerarsi meriti di cui vantarsi.

Spero di aver fatto contenta la lettrice (e nuova amica di BUTAC) che me l’ha segnalato, attendo feedback Flavia!

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!