Niente, come le tasse anche le segnalazioni di articoli del Corriere della notte sono all’ordine del giorno in redazione, e la cosa a me lascia sempre stupito. Ma cacchio, sono mesi, se non ormai anni, che vi facciamo presente che il sito è in black list e che non c’è nessuna notizia pubblicata da quel sito che vada presa sul serio…

Ma evidentemente quando si va sui social network lo si fa spegnendo il cervello. E così quando si legge un titolo del genere ci si crede:

Putin: “L’Italia è governata da un branco di incapaci, in Europa non contano nulla”

Anche se ci troviamo ovviamente di fronte ad una bufala solenne, che in varie salse gira da almeno un anno. Una cosa che mi fa sorridere moltissimo è che le bufale con Putin come protagonista sono davvero tante, segno che sono tanti i seguaci del russo, come sono tanti quelli che hanno capito che chi segue la politica di Putin e condivide notizie che lo riguardano non fa minimamente caso alla fonte da cui le stesse partono ed è molto più incline a condividere fuffa.

In pratica chi crea queste bufale considera i seguaci di Putin dei boccaloni… c’è da andarne fieri.

Ragazzi, è da un po’ che abbiamo aperto il canale video di BUTAC, se siete pigri e non volete leggere potete perlomeno provare a seguire qualche miniguida, sia mai che vi aiuti a districarvi in quella giungla che sono diventati i social network.

 

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleTorino fa rima con Saladino
Next articleStrumentalizzare il dolore
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.