DISAGIOLUNARESPAZIO

Uno degli argomenti che più di tutti scatena il peggio dalla massa di ignoranti che popola il web – ma questo era vero anche prima di internet – è lo spazio. In un periodo pieno di news come questo – Plutone, Kepler 452b, Samantha e la ISS – sembra esserci una corsa a chi dice la cavolata più grossa: non importa se vero o falso, se ragionevole o meno, ma bisogna andare contro la Scienza e la realtà.

Il nuovo capolavoro di ignoranza viene da luogocomune.net con l’ovvio endorsement di Losai.eu. Parliamo quindi di menti sopraffine. Un anno fa mi capitò di avere a che fare con uno dei lampi di genio di Mazzucco.

Il capitano della Stazione Spaziale Internazionale, Terry Virts, ha detto:”Attualmente siamo in grado di volare solo…

Posted by Lo sai on Domenica 26 luglio 2015

Uno screenshot in caso il post non fosse raggiungibile (rubato da Protesi)

11222242_910952102312119_2833883047675880979_n

 

Il capitano della Stazione Spaziale Internazionale, Terry Virts, ha detto:

“Attualmente siamo in grado di volare solo nell’orbita terrestre, più lontano di così non possiamo andare”.

Per orbita terrestre s’intendono 35.786 km.
La Luna si trova ad una distanza dalla Terra di 384.400 km, circa 10 volte l’orbita terrestre.

Com’è possibile che attualmente non si possa andare più lontano dell’orbita terrestre se mezzo secolo fa siamo andati sulla luna?

Il video lo potete trovare su Youtube.

Il capitano parla un inglese morbido e ben comprensibile, quindi la malafede o la voglia di manipolare il discorso è evidente. L’intervistatore chiede al capitano cosa ci dobbiamo aspettare dopo la stazione spaziale come obiettivo spaziale e il capitano è molto chiaro nella sua risposta

La NASA sta progettando un vettore spaziale chiamato SLS: Terry lo definisce un vettore per carichi pesanti, “molto più grande di quelli che abbiamo oggi” in grado di spedire capsule con equipaggi umani, landers e tutto il carico utile fino oltre l’orbita terrestre.

TUTTO VERO: OGGI NON ABBIAMO UN VETTORE SPAZIALE CAPACE DI MANDARCI FUORI DALL’ORBITA TERRESTRE. Una persona sana di mente, o che almeno non abbia tenuto la testa sotto la sabbia fino ad oggi, sa benissimo che AL MOMENTO non esistono vettori spaziali – razzi per rendere la cosa più semplice – che possono fare questo, perché non li abbiamo più prodotti dalla fine delle missioni Apollo.

Il Saturn V è stato l’unico razzo nella storia della civiltà a portare un equipaggio umano al di fuori dell’orbita terrestre. Il vettore spaziale di costruzione statunitense sviluppato dal team del genio Wernher von Braun non è più utilizzato dal 1972 e oggi sarebbe una enorme sfida ricostruirlo: bisognerebbe ripartire dal progetto e costruire ogni singolo componente praticamente da zero. Oltretutto non era economico, dato che in quel momento non si badava a spese – fino ad un certo punto è chiaro – anche per via della sfida con l’Unione Sovietica. Il vettore russo N1, rivale del Saturn, non ha neanche un lancio riuscito nel suo curriculum e questo dovrebbe bastare a far capire quanto costruire un vettore spaziale di questo tipo sia estremamente difficile.

Il fatto che oggi non ci sia un vettore del genere è risaputo e non è né una vergogna né uno scandalo. A che serve un vettore spaziale del genere se non ho nessun programma spaziale che lo renda necessario? Negli ultimi anni l’idea di tornare sulla Luna, e magari di andare su Marte, rendono necessario un progetto del genere ed è semplicemente quello che la NASA sta facendo con l’SLS.

“Attualmente siamo in grado di volare solo nell’orbita terrestre, più lontano di così non possiamo andare”

Non dare il peso corretto alla parola attualmente è disonesto.

Comincio a credere che non sia un problema di onestà, bensì di un grandissimo disagio mentale. Questa gente non è in grado di capire, non è in grado di relazionarsi col mondo, non capisce quello che ha davanti. Questa gente è pericolosa e manipola le menti delle centinaia di pecoroni che li seguono. Sarebbero in grado di negare qualsiasi cosa che vada contro quello che pensano e questo perché il loro cervello non è in grado di elaborarlo. Un gruppo di scimmie che lancia le proprie feci contro tutti quelli che vi stanno intorno.

Credo che questa gente vada aiutata. Sono un pericolo per loro stessi e per la società in generale. Ignoranti, stupidi, intolleranti e fieri di esserlo.

Povera Italia.

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!