MONTYCAT-DOWN

Il Giornale ci ha abituati alle sciocchezze pubblicate solo per attrarre visite alle sue pagine, si sa la pubblicità paga bene e la crisi dell’editoria è pesante. Peccato che non ci si renda conto che parte della crisi è dovuta proprio al fatto che ormai su certe testate si pubblicano troppe bufale. Come questa sciocca storiella del gatto che sostengono essere affetto dalla sindrome di Down.

downmonty

Io mi auguro che chiunque abbia un parente o un amico affetto dalla cosa provveda a denunciare il Giornale all’ordine dei giornalisti (ma tanto sappiamo che nessuno interverrà mai a sanzionare questa gente) e smetta da subito di leggere quella testata, non meritano lettori ma denunce.

Il povero gatto Monty di tutto questo non ne ha colpa sia chiaro. Lui è sicuramente affetto da un problema genetico, gli manca il setto nasale, facendo si che guardandolo sul muso gli occhi risultino posizionati in maniera differente rispetto agli altri gatti. Non soffre della sindrome di Down, scriverlo è essere degli incompetenti. Il gatto ha comportamenti assolutamente nella norma, risulta solo più puccioso e la cosa è utilissima per lo scopo a cui si è dedicato, raccogliere fondi per il rifugio animali dove è stato adottato.

catmonty

Persino tra i commenti all’articolo sul Giornale c’è gente che ha acceso il cervello:

Ma che idiozie scrivete? La sindrome di Down è dovuta alla trisomia del cromosoma 21 del cariotipo umano. Il gatto non può avere il cariotipo umano, altrimenti non sarebbe un gatto.

Ma state pur tranquilli, nessuno correggerà il pezzo, i gattini fanno vendere, si sa.

Tutto il resto è noia.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!