Non ho idea se quello nel video sia effettivamente pollo, ma il 26 luglio su Il Tempo è apparso un video intitolato così:

Trancio di pollo si anima e salta giù dal piatto. Il video è virale sul web

Basta cercare in rete per trovare moltissimi siti che hanno condiviso lo stesso video, tutti senza dare nessuna spiegazione plausibile a quanto si vede accadere.

L’ho recuperato su Youtube per potervelo mostrare qui:

 

Il video mostra il pezzo di carne uscire dal piatto e saltare in terra. In quasi tutti i siti che ho visto, si dicono increduli di quanto avviene. Io ovviamente non ero nel ristorante quindi non posso sapere come siano andate realmente le cose, ma quello che mi lascia infastidito come fact-checker è che nessuno dei siti che ho visitato tenti perlomeno di dare una spiegazione logica ai fatti. Nel video si capisce chiaramente di essere in un ristorante asiatico, ci sono le bacchette appoggiate su un piatto. E nei ristoranti asiatici si usa moltissima salsa di soia.

Avete mai visto cosa fa la salsa di soia? Ve lo faccio vedere con un video che per alcuni può risultare lievemente disturbante:

Ma andiamo oltre, perché un’ulteriore analisi del video mi porta a supporre che quello che nel piatto non sia affatto pollo, ma un tipico piatto giapponese: Frog Sashimi… e quello che vi sto per mostrare potrebbe darvi ancora più fastidio dei tentacoli in movimento visti qui sopra:

Se non siete scappati in bagno a vomitare vi spiego cosa avete appena visto: quei movimenti sono una risposta automatica al cloruro di sodio o al sale nella salsa di soia. Pertanto, quando il sodio nella salsa di soia viene assorbito nel corpo della creatura, innesca spasmi muscolari che la fanno muovere. Nulla di più semplice. Ovviamente, come dicevo prima, non ero presente nel ristorante in cui è avvenuto il fatto, quindi non posso certificare al 100% che si sia trattato di sashimi di rospo, e che non siano stati usati altri trucchi per far scappare quella carne dal piatto. Ma mi lascia esterrefatto che giornalisti di varie nazioni non abbiano minimamente pensato alla spiegazione più semplice, cavalcando invece la viralità del video per puro acchiappaclick.

PS: la giornalista de Il Tempo non ha nemmeno provato a verificare la storia, dando per certo quanto altri avevano riportato. Ma l’autrice del video non è la signora Rie Philipps come raccontato, lei stessa ha smentito sui social di aver fatto il video, spiegando di averlo solo condiviso da altra fonte.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!