Il Tonno FAO 61 e 71

In tanti mi avete segnalato gli articoli che parlano del tonno contaminato dalle radiazioni del Giappone, l’appello segnala di stare attenti a tutti i lotti con FAO (numero di provenienza del pescato) 61 e 71!

Intanto partiamo col dire che i tonni si muovono e quindi dal 2011 data dell’incidente ad oggi potremmo dire che il rischio contaminazione è (sarebbe) mondiale…e quindi l’appello di per se è INUTILE ED IDIOTA.

A questo aggiungiamo che l’Unione Europea subito dopo la tragedia ha diramato ordini chiari di controlli a tappeto su TUTTO il pescato che viene venduto sui nostri territori, controlli casuali tutt’ora in atto (https://webgate.ec.europa.eu/maritimeforum/content/2499).

L’OMS (Organizzazione Mondiale della sanità) oltretutto insieme all’Unione Europea ha fatto effettuare anche controlli in loco rilevando che le possibili contaminazioni, anche arrivassero da noi, non sarebbero preoccupanti; i livelli di contaminazione riscontrati sono estremamente bassi. Per capirci i livelli sono tali che per essere un rischio dovrebbero venir consumati continuamente per svariati anni.

Con questo non voglio sminuire la gravità del disastro nucleare avvenuto a Fukushima, ma farvi comprendere come una notizia del genere possa generare moltissimi danni sia ai produttori che ai consumatori del suddetto prodotto. Informarsi per la propria salute è sacrosanto, ma deve essere fatto nel modo più corretto.

 

Previous articleLa bufala del WTC7
Next articleIl Giappone e il vaccino contro il papillomavirus
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.