Premessa, sono un papà di due bimbi, una di 4 e uno di 7. Entrambi frequentano scuole italiane, entrambi sono stati vittime o colpevoli di morsi, anche molto dolorosi. Purtroppo per un certo periodo i bimbi hanno la tendenza a dare morsi. Succede, da sempre, basta parlare con pediatri, esperti d’infanzia, maestre.

Invece che trovare l’ennesima scusa per fare articoli del menga scritti solo ed unicamente per istigare odio razziale.

Titolano soliti siti come VoxNews, TgQuotidiano e compagnia bella:

Bimba sbranata da compagni d’asilo africani

La bufala del racconto riguarda la location: non erano in un asilo, ma in un parco giochi, dove è chiaramente esplicato che sono le mamme a dover tenere d’occhio i bambini, non maestre o altre figure di riferimento. Come portare i bimbi al parco e poi girarsi dall’altra parte mentre giocano sul dondolo. Una bambina di 17 mesi non è assolutamente in grado di giocare senza rischi tra bambini molto più grandi di lei (immagino almeno fino ai sei, visto che il fratellino presente ne aveva appunto sei).

La cara mamma (dopo capiremo insieme il perché delle virgolette) l’aveva portata in un parco giochi al coperto, di quelli coi gonfiabili e altri divertimenti per bimbi. Un parco giochi senza alcun tipo di controllo. Sei tu genitore che devi sorvegliare i tuoi figli. Se non lo fai la colpa di qualsiasi cosa succeda è tua o al massimo di altri genitori, non degli altri bambini, che sono appunto bambini.

La mamma dice di essersi distratta un attimo, lasciando la figlia giocare con uno dei suoi fratellini e altra gente. Il fratellino dovrebbe avere l’età di mio figlio a quanto risulta dalle cronache britanniche. Il fratellino non ha alzato un dito per aiutare la sorellina, il fratellino non si è praticamente accorto di quanto stava accadendo. La bimba è stata morsicata 15 volte, con discreta violenza. Ma se avete figli (ancor peggio se ne avete di età vicine fra loro) sapete bene che il periodo dei morsi è un periodo violento, che se non si è pronti a staccarli il rischio che la carne si laceri c’è. La bimba è stata morsicata 15 volte a quanto riportano le cronache. La mamma dice che stava controllando l’altra bimba di tre anni. Non ho motivo di non crederle, ma forse dovrebbe essere chiaro anche a lei che non si lascia senza controllo una bimba di 17 mesi in mezzo ai gonfiabili di un parco giochi pieno di bambini più grandi, nemmeno per pochi minuti o secondi.

LEGGI ANCHE:  Catania, ragazzino bruciato vivo perché cristiano

Il bambino (o per meglio dire, i bambini) autore dei morsi (i medici hanno specificato che sono due dentature differenti) secondo il racconto della stessa mamma ha due anni. Conta molto di che colore ha la pelle? Pensate davvero che i morsi siano stati dati perché di originale somala? O africana? No, i morsi sono così profondi perché nessuno è intervenuto a bloccare un duenne (e qualcun altro non identificato) che stava mordendo una bimba di un anno e mezzo.

Nei vari articoli fonti della notizia non si fa mai menzione della nazionalità dei bambini accusati di essere colpevoli dei morsi. La fonte di quell’informazione viene da un post, screenshottato, che circola in rete. Il post sarebbe a firma della mamma della bimba, nello screenshot si vede chiaramente che era un post pubblico, ma di esso non c’è più traccia in rete.

È li però che viene detto, o meglio viene tradotto, che il bambino che ha morsicato non fosse inglese:

Sat in I.g.i with my super brave baby girl willow-ivy after a 3yr old samarlian boys attacked her…

Quel samarlian è stato tradotto come somalian, e non è chiaro se fosse davvero quello che intendeva dire. Ma negli articoli (pur su testate che non lesinano, quando necessario, articoli decisamente aggressivi contro gli immigrati) non se ne fa menzione, se non su siti vicini all’estrema destra. Il profilo come nello screenshot al momento è cambiato o è svanito. Sarà stato davvero il profilo originale di Becky? Chissà. Non possiamo saperlo e ci piacerebbe sapere come fa a esserne così certo chi invece ha titolato come sopra.

La mamma è una donna che nelle fotografie con la bimba morsicata appare distinta e morigerata per i suoi 33 anni dichiarati.

Ma in quel poco che resta del suo profilo social e degli screenshot fatti appena avvenuti i fatti si evince che l’apparenza forse un po’ inganna.

L’immagine profilo attuale la ritrae a pancia scoperta molto patinata con una chioma da fare invidia a Kyle Minogue. E basta cercare con attenzione per trovare altre foto della stessa mamma, mentre negli screenshot del profilo riportato più sopra si vede un’immagine profilo diversa.

LEGGI ANCHE:  La musulmana e il letto d'ospedale

Lo so, non si vede moltissimo, ma si intuisce che si tratta di uno scatto profilo composto da due foto, una col volto quasi in primo piano, l’altra solo per la scollatura. Nel profilo attuale queste foto sono svanite, segno che dopo gli articoli sui vari Mirror e Daily Mail è intervenuta a fare un po’ di pulizia; o magari era un profilo fake, creato apposta per fare quegli screenshot, non possiamo sapere neanche questo. Ma qualche scatto, diciamo acchiappaclick, è rimasto. 

Sia chiaro, nulla contro il mettersi in mostra, nulla contro il farsi i selfie sexy. Si può essere ottime mamme e donne a cui piace mostrarsi, le due cose non sono in contrasto. Solo che il profilo Facebook della mamma, e il tono dei suoi commenti e dei suoi post, sono molto in linea con quelli dei protagonisti di tante altre storie che abbiamo visto circolare con fonti come il Mirror e il Daily Mail. Storie scritte con toni sensazionalistici, piene di fotografie, con pochissimo testo. Tutti i protagonisti di quelle storie sono stati pagati dal giornale, per foto e articoli. Capita che qualcuno esageri un po’, capita che qualcuno dia spazio alla creatività e alla fantasia. Impossibile fidarsi a priori.

Sia chiaro, le foto della bimba morsicata fanno impressione, e non ho alcun dubbio che quelle siano vere. Specie i due segni che le sono rimasti sul viso. Ma i “responsabili”, se proprio dobbiamo trovarne, sono i genitori di entrambi i bambini, che non hanno vigilato a sufficienza. Cercare indignazione per il colore della pelle di un bimbo di due anni è conferma di essere razzista. Frega poco se VoxNews continuerà ad attaccarci, razzisti sono e razzisti rimangono insieme alla massa di soggetti che li segue.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!