CINCIALLEGRA12

Per riempire le gallery dei giornali si usa un po’ di tutto, spesso senza minimamente preoccuparsi del testo che le accompagna, e così ci ritroviamo con “mostri giornalistici” come questo:

Un uccello multato: viola i limiti di velocità e viene “catturato” dallʼautovelox sul ciglio dellʼautostrada

Corpi “estranei” nella telecamera dell’autovelox. Un uccello che “inganna” l’obiettivo: troppo veloce per gli standard dell’apparecchio, che sta monitorando le auto di un’autostrada del Regno Unito. E che fotografa il volatile: anche lui ha superato i limiti. E l’obiettivo lo fotografa. A chi manderanno la contravvenzione?

La foto che l’accompagna è questa:

C_2_fotogallery_3001630_0_image

Anche il più pigro dei lettori si accorgerebbe che quella non è una telecamera autovelox, ma una di quelle poste sui viadotti, che fotografano la situazione traffico.

Ma la cosa più importante da cogliere è che OVVIAMENTE la telecamera non ha scattato la foto per superamento di alcun limite, visto che la cinciallegra cinciarella viaggia a una velocità al massimo di circa 30 chilometri all’ora, nemmeno uno scooter scassato andrebbe così lento in autostrada.

Si tratta solamente di un fermo immagine, che persino il Daily Mail racconta meglio dei nostri giornali italiani, anche se loro in pieno stile tabloid ci ricavano un semi-articolo, spiegando chiaramente che la telecamera è solo di controllo e che è solo un fortuito caso se l’immagine è stata vista e salvata.

Una tipica non notizia, che va benissimo per riempire le pagine di giornali usati per incartare il pesce, ma che andrebbe comunque raccontata bene. Almeno per non diffondere l’ennesima sciocchezza per analfabeti funzionali… e invece consci di avere un pubblico di lettori disattento la stanno riprendendo in tantissimi.

Peccato, un’altra occasione sprecata per cercare di dare almeno un servizio decente.

Suvvia ragazzi, non bastava diffondere la varia fuffa di Agitalia e Aidaa, ora anche le foto con gli uccellini che superano il limite di velocità?

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!