dioni

CONOSCENZA O CONTROSCIENZA?

Viaggio tra le nuove leggi della fuffa mediatica

La scienza è ciò che oggi spiega perché viviamo, perché abitiamo sulla Terra, perché in estate fa caldo e perché il quadrato costruito sull’ipotenusa è uguale alla somma dei quadrati costruiti sui cateti.

La scienza è ciò che in tutte le scuole del mondo viene insegnata. Da sempre.

La scienza non si arroga il diritto di dire: “Io sono la verità, punto e basta!” ma dice: “Io sono la verità fino ad oggi, ma se tu mi dimostri che io sbaglio, tu sarai la verità futura, fino a nuova dimostrazione”.

Questo spiega perché una volta si credeva che la Terra fosse il centro dell’universo e che per l’uomo fosse impossibile volare. La scienza quindi non è assoluta, non è chiusa, ma al contrario è aperta a tutti: se qualcuno dimostrerà che 1+1 fa 3, la scienza sancirà che 1+1 fa 3.

Ma oggi, fino a prova contraria, 1+1 fa 2!

11

Tutta questa pappardella è per introdurre un fastidioso concetto che è quello di voler dichiarare che la scienza sia tutta sbagliata SENZA DIMOSTRARE NULLA. Troppo comodo infatti dire: “Io ho ragione” senza portare fatti,  prove, numeri o realtà e, quando te li chiedono, urlare: “È tutto un complotto organizzato dai poteri forti ai danni dei cittadini!”

Eh sì, signori miei: 5000 anni di storia messi in discussione da allocchi. Tutto questo sembra impossibile ma non lo è se si leggono pagine come quelle di Dionidream (ah… sempre lui!!! E basta, suvvia…).

Pensate un po’ cosa scrivono:

Prima di giudicare gli altri o di proclamare qualche verità considera questo:

  1. La maggior parte delle persone che vogliono difendere le proprie idee invece di aprirsi a nuove possibilità fanno riferimento alla scienza. La scienza sembrerebbe quindi una sorta di libro divino che ha la risposta a tutto, e soprattutto senza sbagliare. L’estratto che segue è molto bello e ci fa capire quanto fondamento diamo a dei pensieri che passano, più volatili e inconsistenti di un sogno, scambiati per verità assolute.
  2. “Prima di giudicare gli altri o di proclamare qualche verità assoluta, considera che puoi vedere meno del 1% dello spettro elettromagnetico e udire meno del 1% dello spettro sonoro.
  3. Mentre stai leggendo questo, stai viaggiando alla velocità di 220 chilometri al secondo attraverso la galassia. Il 90% delle cellule nel tuo corpo portano il loro proprio DNA microbico e non sono “te”.
  4. Gli atomi del tuo corpo sono per il 99.9999999999999999% spazio vuoto e nessuno di essi sono quelli con cui eri nato, ma hanno avuto origine nel grembo di una stella.
  5. Gli esseri umani hanno 46 cromosomi, 2 in meno delle comuni patate.
  6. L’esistenza dell’arcobaleno dipende dai fotorecettori conici nei tuoi occhi; per gli animali senza coni, l’arcobaleno non esiste. Quindi non stai solo guardando l’arcobaleno, lo stai creando.
  7. Questo è piuttosto sorprendente, specialmente considerando che tutti i bellissimi colori che vedi rappresentano meno del 1% dello spettro elettromagnetico.”

Neil Degrasse Tyson, astrofisico e divulgatore scientifico statunitense

Concludo con questa bellissima citazione: Chi non ammette l’insondabile mistero non può essere neanche uno scienziato. Albert Einstein

dd

Le nostre considerazioni

  1. Tutta questa pappardella ci vorrebbe dire che l’essere umano non può fare scienza perché troppo limitato nel vedere, nel sentire, nel… nello spazio atomico? La logica conseguenza dovrebbe essere un messaggio del tipo “Non fidatevi della scienza perché è fatta da uomini con poteri umani limitati”. Chi dovrebbe fare quindi ricerca scientifica? Dio? Sarebbe bello trovare già pronta la pappa col pomodoro! L’uomo è imperfetto da sempre e presumibilmente tale sarà per sempre. Questo significa semplicemente che ciò che produce non è il frutto di presunzione inalterabile, ma ciò che di meglio oggi si può avere. Se domani si potrà fare meglio, ben venga la miglioria. Se domani si dimostrerà che 1+1 fa 3, saremo ben felici di avere fatto un passo avanti. Proprio oggi leggevo di alcuni scienziati tedeschi che con un esperimento in laboratorio avrebbero oltrepassato lo zero assoluto, che come ha sempre sancito il III principio della termodinamica, è un limite “invalicabile” che non si può raggiungere se non asintoticamente (e che corrisponde alla temperatura di 0°K ovvero -273.15°C). Se in futuro questo esperimento dovesse essere ripetuto e dimostrato, potrà cambiare le leggi della fisica che fino ad oggi sono quelle che tutti conosciamo dalle scuole. Non è quindi vero che la scienza proclama verità assolute. Tu porta la tua verità, dimostrala e sarai tu la scienza.
  2. Non è vero che vediamo l’1% dello spettro elettromagnetico: vediamo molto ma molto meno come si può notare dalle tabelle che seguono prese da Wikipedia. Non è vero nemmeno che udiamo l’1% dello spettro sonoro, ma lo 0%, semplicemente perché lo spettro sonoro è un grafico per l’analisi del suono, quello che vedete su certe applicazioni o programmi per computer composto da tante barre luminose che variano a seconda sella frequenza e dell’intensità di quello che state ascoltando. Semmai si sarebbe dovuta chiamare gamma delle frequenze audio o sonore, ma anche in tal caso il dato sarebbe stato sbagliato perché l’uomo può sentire il 100% di detta gamma che va da 20 Hz a 20 KHz. Sotto tale gamma si hanno le frequenze subsoniche, e oltre quelle ultrasoniche.
  3. Che significa dire che stiamo viaggiando a 220 km/sec. nella galassia? Io potrei ribattere che in Italia stiamo ruotando a 1180 km/h oppure che come terrestri stiamo ruotando a 105.000 km/h attorno al sole. E allora? Cosa starebbero a significare questi dati? Sono dati che tutti sanno, come che in un giorno ci sono 24 ore. E se il 90% delle mie cellule non sono io, io chi sono? Aiuto… sarò davvero una rana?
  4. Anche dire che la materia ha il 99.99999999999ecc… % di “vuoto” è un dato che tutti sanno e che rientra nel “normale”. Anche qui, ordunque, cosa vogliamo dimostrare? Che siamo aria? Ma anche l’aria ha il 99,999ecc.. di vuoto. Normale no? Sembra quasi che dando questi dati ci vogliano far credere che siamo… extraterrestri. A scuola queste cose a noi ce le hanno insegnate. Forse a Dionidream no, è forse questa la causa di tanta meraviglia? Ed infine, e fino a prova contraria, io derivo da mia madre, come tutti gli esseri umani. Che poi l’uomo sia l’evoluzione della vita terrestre, anche questo ce lo hanno insegnato a scuola. Ma la vita sulla terra non sembra proprio arrivata da una stella, piuttosto si ipotizza da una cometa. La nostra stella è sì indispensabile alla nostra vita, ma non credo che migliaia di gradi di temperatura possano dare il primo accenno di vita primordiale.
  5. In verità il dato cromosomico non si riferisce alla classica patata italiana ma a una varietà simile a quella del Sud America che ha un genoma tetraploide, cioè ha 4 copie per ognuno dei 12 cromosomi. Ma anche ammesso il tutto, la domanda rimane: cosa si vuol dimostrare? Che è più intelligente una patata di un essere umano? Anche l’elefante ha un cervello che ha delle dimensioni quadruple rispetto a quello umano. Ancora, quindi, dati sparati senza nessun nesso logico utile.
  6. Il fatto che noi possiamo vedere cose che animali non vedono non significa che siamo noi a crearle. L’arcobaleno è lì per chi può vederlo. Anche perché, altrimenti, uno spacciatore che viene pizzicato dal fiuto di un cane antidroga potrebbe dire che la droga che trasporta non è sua ma è stato il cane a crearla. Sono davvero molto strani questi signori di Dionidream. Moltissimo: hanno una percezione del mondo molto… “originale”. Tutti i bellissimi colori che vediamo, ma anche quelli bruttissimi, poiché non tutti i colori sono belli, sono molto ma molto meno dell’1% dello spettro elettromagnetico. Questi signori si sono fissati con l’1%: lo mettono dappertutto, come il prezzemolo.

1020px-EM_Spectrum_Properties_it.svg

Ogni essere umano ha le proprie percezioni spirituali, e quindi anche l’astrofisico Neil deGrasse Tyson ha le sue. Rispettabilissime. Indiscutibili. Ma sempre percezioni spirituali rimangono. Quindi se uno scienziato dice la sua in merito ad una “forza superiore” non significa che questa sia scienza. È solo una espressione della sua visione spirituale e non scientifica. Anche perché se no significherebbe sancire che la Triestina sia la squadra di calcio più brava al mondo solo perché Rubbia ne potrebbe essere teoricamente tifoso. Cosa facciamo? Applichiamo l’autorevolezza scientifica a qualsiasi altro argomento di cui parli uno scienziato? Questo è tipico di chi vuole mettere in discussione l’accreditata storia della cultura umana strumentalizzandola con altro, che nulla c’entra, tentare di rivoluzionarla senza argomentazioni valide, e cioè propagandare fuffa.

Sarebbero questi i pensieri convincenti che Dionidream vuole far passare per verità assolute? Lo spacciatore di fuffa che accusa gli altri di spacciare fuffa come il ladro che urla “disonesto” alla sua vittima…

Rapina

E se Einstein ammette l’insondabile mistero, è solo perché per ogni scoperta fatta rivela un nuovo mistero da scoprire: fa parte del progresso dell’uomo avere sempre un ulteriore gradino da salire dopo averne appena salito uno.

Chissà poi perché chi osteggia maldestramente la pubblica sapienza, come Dionidream, cita Einstein. Forse per tentare di darsi una parvenza di facciata mettendo maionese e caffelatte nello stesso calderone, per renderlo apparentemente più pieno. Manca solo Dracula che metta crocifissi in casa per attirare cristiani cui succhiare loro il sangue.

Davvero bizzarri questi di Dionidream.

Che voto gli vogliamo dare?

Lola Fox

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!