autismo-cura

Ieri mi è stato postato un lungo pezzo che apre così:

Casa Sollievo e Università di Milano trovano il farmaco per curare l’autismo. “La più grande ricerca mai condotta finora”

Io vorrei seriamente che chi ha deciso quel titolo venisse preso a testate in faccia, si testate in faccia, magari alla terza o quarta capisce dove ha sbagliato, alla decima testata perde conoscenza e magari quando si ripiglia cambia lavoro.

Non è stato trovato il farmaco per curare l’autismo, come viene spiegato nell’articolo in maniera anche abbastanza chiara:

…siamo riusciti a dimostrare che la somministrazione di farmaci contro LSD1 è in grado di ripristinare il corretto funzionamento di alcuni circuiti molecolari, anche in presenza di anomalo dosaggio di GTF2I, aprendo de facto la strada allo studio di come questi inibitori farmacologici possano essere un giorno impiegati anche nell’autismo e più in generale nelle malattie mentali del neurosviluppo.

Siete in grado di leggere bene? Avete capito cosa si dice? Che in un futuro usando studi su questi farmaci forse si potrà arrivare ad usarli in pazienti che soffrono di sindrome autistica.

Quindi nessuno ha trovato la cura per l’autismo, titolare in quella maniera andrebbe vietato, spero che qualcuno lo faccia presente e pigli a testate il redattore da parte mia. Provare nella vita a mettersi nei panni di chi, magari con parenti con sindrome autistica, legge un titolo del genere e ci crede, quando invece andrebbe subito spiegato che si è un passo avanti ma siamo ben lontani da una cura.

La cosa l’abbiamo già vista altre volte, quando si parlava della molecola che ammazza i tumori e dell‘artemisia annua o ancora la molecola che blocca i tumori ad esempio…ma si sa, chi redige questi articoli non è interessato ad informarvi, ma solo ad attirarvi sulla sua pagina. Sia chiaro non me la prendo con il giornalista che alla fine ha riportato i fatti in maniera corretta, ma con l’imbecille che ha scelto il titolo, di solito si tratta di persone diverse, spero sia anche questo il caso!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!