CARCINOMAEPTAICOVOL2

Benvenuti alla seconda puntata de: Il Carcinoma Epatico, oggi Thunderstruck si occupa di acqua Kangen, le precedenti puntate le trovate qui:

  1. Il carcinoma epatico  – e poi boh?
  2. Il carcinoma epatico – L’Acqua Kangen
  3. Il carcinoma epatico – Ganoderma Lucidum
  4. Il carcinoma epatico – Protocollo terapeutico

Buona lettura!

maicolengel

Dopo le perle di saggezza editoriale, torniamo a parlare di lui e passiamo a un altro argomento “interessante”: l’acqua Kangen®, che tra l’altro lui vende.

Con i suoi 3391.60€ più 24 € di spese di spedizione, l’acqua Kangen merita un approfondimento per spiegarvi la marea di cazzate che spacciano per Scienza. Questo “ritrovato” sarebbe in grado di trasformare l’acqua che esce dal rubinetto in acqua con diversi pH. Immagino quindi che oltre al costo dell’attrezzatura uno debba poi aggiungere i costi di manutenzione (pulizia delle tubature almeno ogni 15 giorni) e delle sostanze che servono ad alcalinizzare o acidificare l’acqua. Penserete mica che il pH dell’acqua vari da solo, semplicemente passando in un tubicino di plastica? Nell’industria chimica si utilizzano di solito colonne a scambio ionico che non costano proprio “du tolini”.

Come prima cosa vediamo cos’è l’acqua.

L’acqua è un composto chimico di formula molecolare H2O, in cui i due atomi di idrogeno sono legati all’atomo di ossigeno con legame covalente. In condizioni di temperatura e pressione normali[8]  (condizioni standard di temperatura e pressione rispettivamente di 20 °C e 1 atm) si presenta come un sistema bifase – costituito da un liquido incolore[2] e insapore (che viene chiamato “acqua” in senso stretto) e da un gas incolore (detto vapore acqueo) – ma anche come un solido (detto ghiaccio) nel caso in cui la temperatura sia uguale o inferiore alla temperatura di congelamento.[9] Essendo l’acqua un ottimo solvente, le acque naturali contengono disciolte moltissime altre sostanze, ed è per questo motivo che con il termine “acqua” si intende comunemente sia il composto chimico puro di formula H2O, sia la miscela (liquida) formata dallo stesso, con altre sostanze disciolte al suo interno. L’acqua in natura è tra i principali costituenti degli ecosistemi ed è alla base di tutte le forme di vita conosciute, uomo compreso; […] Sulla Terra l’acqua copre il 70,8% della superficie del pianeta ed è il principale costituente del corpo umano.

Dal sito dell’ acqua Kangen® scopriamo che

Gli ionizzatori d’acqua Alcalina Kangen, sono gli unici al mondo ad utilizzare le piastre in Titanio Medicale nella camera di elettrolisi, dove l’acqua del rubinetto viene trasformata in acqua alcalina ionizzata. Perché il Titanio Medicale, usato anche per le protesi interne, è totalmente bio compatibile con l’organismo umano, oltre che essere un materiale resistentissimo.
Acqua Alcalina Kangen, fra le altre proprietà, è fortemente antiossidante, quindi combatte i radicali liberi, acerrimi nemici della salute, è alcalina e favorisce lo stabilizzarsi dell’equilibrio acido basico, e grazie alla sua struttura molecolare fine, esagonale, penetra in profondità nel tuo organismo, andando ad idratare il tuo corpo, favorendo la disintossicazione dalle scorie acide e dalle tossine.

Non avendo voglia di sprecare la mia connessione per scaricare il filmato che mi spieghi cosa sia e come funzioni, sono andata a cercare altre notizie. Ho trovato questo meraviglioso sito (ironicamente parlando).  Come potete vedere in questa pagina si parla di un medico giapponese famosissimo:

Il dott. Mu Shik Jhon (1932 – 2004) è stato uno delle più grandi autorità al mondo sulla conoscenza dell’acqua. […]”Il reintegro di acqua esagonale nel nostro corpo, può aumentare la vitalità, rallentare l’invecchiamento e prevenire le malattie”

Dottore che è morto a 72 anni… e diceva che l’acqua può rallentare l’invecchiamento. “Tristemente, con lui ha funzionato proprio di merda (cit. Maicolengel)”. Ma va be’, torniamo alla nostra acqua Kangen®.

Il sito meraviglioso di cui sopra ha davvero molte pagine e vale la pena farci un giro per rendersi conto di come hanno montato ad arte una truffa, perché a mio avviso di truffa si tratta.
Una delle prime pagine che ho visitato mette a confronto l’acqua del rubinetto, quella in bottiglia e ovviamente l’acqua Kangen®. A casa mia si chiama pubblicità comparativa e deve seguire leggi rigorose mettendo i prodotti sullo stesso piano – per esempio, confrontando tra loro i valori del residuo fisso o della durezza. E invece no. Qui troviamo solo allarmismo e disinformazione bella e buona: si riportano dati (senza mezza fonte) sulle acque di reti americane, ma poiché noi abitiamo in Italia, a quelle italiane dedica solo due righe scarse:

Anche in Italia possiamo trovare delle anomalie nel nostro sistema di distribuzione dell’acqua e recenti articoli hanno allarmato la popolazione sulla presenza di arsenico nell’acqua del rubinetto.

Maicolengel si era già occupato a tempo debito della questione arsenico nell’acqua. Vi invito a riflettere.

Passano poi a trattare le acque in bottiglia. Su una cosa hanno ragione, almeno per quanto riguarda l’Italia: ne consumiamo troppa, con un impatto ambientale davvero notevole, quando abbiamo dell’ottima acqua di rete. Mi permetto di aggiungere che se la vostra acqua ha un odore o un sapore troppo “cloroso”, è inutile ricorrere a costosi filtri: basta mettere l’acqua in una caraffa e lasciarvela per un’oretta scarsa. Il cloro è volatile e in poco tempo evaporerà tutto. L’acqua erogata dal rubinetto è potabile, è buona e sottoposta a numerosi controlli giornalieri.

Pensavate di aver visto il peggio del peggio delle pubblicità comparative? Leggete cosa riportano subito dopo, errori grammaticali e ortografici inclusi!

La tua acqua è viva o morta?

Molti produttori di acqua in bottiglia utilizzano il processo di osmosi inversa o la distillazione per produrre acqua in bottiglia. Questi processi vengono comunemente chiamati negli Stati Uniti generatori di acqua morta. L’acqua acida può avere effetti negativi sulle capacità del corpo di assorbire i nutrienti essenziali alla vita.  L’acqua a osmosi inversa, così come l’acqua distillata sono considerate “acqua morta”, perché sono stati rimossi i minerali come il calcio, il magnesio e il potassio. Se stai bevendo “acqua morta”, non stai combattendo i radicali liberi. Al contrario, stai aumentando l’ossidazione nel tuo corpo piuttosto che ridurla.

Se stai bevendo “acqua morta” non ti stai dissetando. L’acqua distillata non contiene sali minerali disciolti al suo interno e di conseguenza è inutile al nostro organismo. Nessuno vende acqua distillata per  il consumo umano. Forse i nostri amici non sanno che le acque di sorgente imbottigliate sono sottoposte a una normativa molto rigida in fatto di trattamenti ammessi; tra questi troviamo:

  • captazione, canalizzazione, elevazione meccanica, approvvigionamento in vasche o serbatoi
  • separazione degli elementi instabili (ferro e zolfo) per filtrazione o decantazione
  • trattamenti che non comportino la modifica della composizione dell’acqua negli elementi che la caratterizzano
  • eliminazione parziale o totale o l’incorporazione di anidride carbonica

Art. 6. Operazioni non consentite 1. E’ vietato sottoporre l’acqua di sorgente ad operazioni diverse da quelle previste nell’articolo 5; in particolare, sono vietati i trattamenti di potabilizzazione, l’aggiunta di sostanze battericide o batteriostatiche e qualsiasi altro trattamento suscettibile di modificare il microbismo dell’acqua di sorgente.

Non vi fidate delle leggi italiane, sentite cosa vi offre l’acqua Kangen!

risolve i problemi dell’acqua del rubinetto e dell’acqua in bottiglia ed elimina l’inquinamento. Il sistema di ionizzazione permette di produrre una salutare Acqua Kangen che lavora per ripristinare i livelli di pH di una persona, eliminando tra l’altro tutti i materiali che contaminano l’acqua e permettendo ai minerali importanti di raggiungere il nostro corpo. Acqua Kangen è inoltre un potentissimo anti ossidante, possiamo dire che ha la capacità anti ossidante di 7- 10 volte il tè verde. Acqua Kangen è acqua del rubinetto microfiltrata che passa attraverso il processo di elettrolisi e di conseguenza diventa ristrutturata come l’acqua dei ghiacciai che bevono gli Hunza.

Acqua Kangen® è acqua Esagonale

Acqua Kangen è un acqua esagonale e continene microcluster. I micro cluster sono molecole di acqua raggruppate tra di loro più piccole di 3 volte quelle presenti nei raggruppamenti dell’acqua del rubinetto. L’acqua ionizzata alcalina Kangen è separata elettricamentein ioni OH- che si concentrano in acuqa Kangne alcalina con pH8.5 – 9.5 e ioni H+ che si concentrano nell’acqua acida con pH 2,5 – 6.0. Questi ionizzatori per l’Acqua Kangen producono un’acqua capace di neutralizzare gli acidi e rimuovere le tossine nocive dal flusso sanguigno, si può inoltre contribuire a rallentare il processo di invecchiamento. E’ da considerare inoltre che la malattia prospera in un ambienta acido, ecco quindi che grazie a questa acqua possiamo creare un ambiente ostile alle malattie. I rifiuti acidi del nostro corpo possono provocare un’indurimento dei tessuti degli organi, provocandone l’invecchimento.

“L’acqua Esagonale è quell’acqua struttarata che circonda il DNA sano, mentre l’acqua non organizzata è stata trovata nel DNA malato”

Una marea di stronzate così tutte insieme di botto mi hanno provocato uno “stroke” seguito da “inizio a sniffare l’arancione” a cui poi è immancabilmente seguita una litania di parolacce (cit. Il Ninth).

Pensavo di aver visto davvero tutto, quando ecco saltare fuori anche questa pagina. A questo punto i “colori dell’arcobaleno li ho sniffati tutti” (semicit. Il Ninth) e la litania di parolacce è diventata un rosario completo. No, mi rifiuto categoricamente di citarvi anche solo una frase di quelle riportate in questa pagina. Se volete, andate a leggervela. Credo che il mio professore di chimica generale e inorganica si stia rivoltando nella tomba.

Vi invito invece a leggere questo bellissimo articolo di cui vi riporto il paragrafo sull’acqua esagonale:

Nelle schede pubblicitarie dei dispositivi per produrre l’acqua ionizzata alcalina si fa spesso riferimento alla cosiddetta teoria dei cluster. Secondo tale teoria nell’acqua “normale” sarebbero presenti particolari aggregati chiamati cluster (letteralmente grappoli), costituiti da 10-13 molecole legate da interazioni particolari chiamate legami a idrogeno. Il trattamento cui viene sottoposta l’acqua ridurrebbe il numero delle molecole d’acqua nei cluster a 5 o 6 e questo avrebbe vantaggi sulla possibilità da parte dell’organismo di assorbire l’acqua per idratarsi. Dal punto di vista scientifico tali affermazioni suscitano non poche perplessità. Indubbiamente le molecole d’acqua in fase liquida stabiliscono dei legami a idrogeno tra loro, ma questi legami si formano e si rompono continuamente senza che si possa davvero ipotizzare la formazione di strutture organizzate come i cluster. Ammesso che i cluster esistano, i loro tempi di vita sono brevissimi: dell’ordine del picosecondo (un picosecondo è 10-12 secondi ovvero un millesimo di miliardesimo di secondo). In letteratura scientifica si trovano alcuni lavori che evidenzierebbero la presenza di cluster in acqua mediante una particolare tecnica spettroscopica, chiamata NMR (Nuclear Magnetic Resonance). Tali lavori sono stati tuttavia oggetto di severe critiche. Infine le affermazioni secondo le quale il trattamento con i dispositivi elettrici ridurrebbe il numero di molecole d’acqua costituenti i cluster e che questa riduzione avrebbe qualche vantaggio fisiologico non hanno alcun fondamento scientifico.

Tornando al nostro sito iniziale, il caro signore beve regolarmente questo tipo di acqua, di cui non sono stati provati assolutamente i benefici. E vorrebbe, magari che lo Stato gli passasse il marchingegno?

Comunque lui per “ragranellare du tolini” si è messo a fare il distributore di questa macchinetta. Il fatto sconcertante è la quantità di gente che ci crede e lo acquista. Altro che uTonti!!!

Thunderstruck


Quest’articolo è parte di una serie, qui trovate le puntate finora pubblicate:

  1. …e poi boh?
  2. L’acqua Kangen
  3. Ganoderma
  4. Protocollo terapeutico

NDR:
Sul sito LazyMan si era cercato di fare un debunking anche delle sue modalità di vendita in USA, evidenziando come venisse proposta con un sistema che ricordava molto quello piramidale.

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!