Se c’è una cosa certa nel mondo è che la gente ha una pessima memoria nonostante l’enorme strumento a disposizione, cioè l’internet. Non è la prima volta che ci tocca parlare di piramidi e neve, capitò nel 2013, segnatevi l’anno, ma anche nel 2014 in forma diversa, ed ecco cosa gira negli ultimi giorni:

Non è l’unica pagina a condividere questa foto, anche se che da una pagina come quella ce lo si poteva aspettare, e ho visto altri post condivisi centinaia di migliaia di volte.

Al Cairo 28 gradi

Innanzitutto, sta nevicando in Egitto? Non c’è alcun riferimento temporale nel post, che è di ieri.

Non sembra proprio un meteo da neve, non vi sembra? Sarà perché l’ultima nevicata in Egitto risale a 5 anni fa?

Non solo l’Egitto fu colpito, ma buona parte del Medio Oriente, compreso Israele e Cipro. Dappertutto si parla di prima nevicata in 112 anni, informazioni sulla nevicata del 1901 non ne ho trovate, ma è un problema secondario.

Foto vera o manipolata?

La foto in apertura quindi, se non di oggi, è almeno vera? Quello che sappiamo è che nevicò molto su alcune zone, ma le piramidi diciamo che non furono un granché coperte:

La foto condivisa non è di quest’anno, non è della nevicata del 2013 e – rullo di tamburi – non è neanche una foto vera, ma photoshoppata. Uno degli esempi più antichi online di quella foto la troviamo su una guida dell’Egitto del 2000 su Amazon:

Come potete vedere le ombre sono esattamente nella stessa posizione, e online troviamo esattamente la stessa immagine precedente al 2013 senza la neve:

Creare versioni modificate di immagini esistenti è un esercizio per chi con il fotomontaggio e il fotoritocco ci lavora, chi le condivide spacciandole per vere invece lo fa solo per raccattare condivisioni e like. Era un sacco di tempo che non trattavo le piramidi e in effetti sentivo un po’ di nostalgia, quindi grazie comunque.

LEGGI ANCHE:  I mangimi per cani e gatti

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!