L’Internazionale si aggiudica un posto nella lista dei siti allarmisti!

Il noto settimanale ha pubblicato un articolo riguardante la nostra cara stella, il Sole.

Per chi non lo sapesse, l’attività del Sole è scandita da cicli lunghi 11 anni. In questi cicli, la stella passa da un periodo di bassa attività ad uno di intensa attività. Il tutto accompagnato dall’inversione dei suoi poli magnetici.
Il ciclo attuale, è caratterizzato da un picco -curiosamente- debole.
Niente di preoccupante. Semplicemente, gli scienziati si aspettavano un picco con un’intensità maggiore.

Ma, a quanto pare, per la redazione dell’Internazionale non è così.
“C’è qualcosa che non va con il Sole”
“Gli scienziati sono perplessi”
“Non riescono a capire se si tratta di un fenomeno temporaneo o indichi l’inizio di un declino”
Frasi allarmiste, estrapolate dal contesto dell’articolo originale del Wall Street Journal.

Nell’articolo del quotidiano statunitense, i toni sono decisamente più pacati. Si ricorda, più volte, che si tratta di un fatto inaspettato, ma che non preannuncia la morte del Sole.

Anche l’Internazionale indica come fonte l’articolo del WSJ. Infatti, si vede che è pesantemente basato su di esso. Ma ciò non spiega la differenza dei toni.
Pessima traduzione, o ricerca del maggior numero di click?
A voi, l’ardua sentenza.

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!