brescia

AGGIORNAMENTO: Ci segnalano che la bufala è opera del sempre ottimo Ermes Maiolica, per chi non sapesse di chi stiamo parlando trovate gli articoli in cui abbiamo parlato di lui qui.


Suvvia ragazzi, non cadiamo in queste trappoline acchiappalike. Il sito RaiNews24 live è uno dei classici esempi che dovreste aver imparato a riconoscere a naso, mai condividere la loro robaccia, al massimo segnalarla subito a Facebook come notizia falsa, non farla circolare nemmeno per farsi due risate. Non date ossigeno a questa gentaglia.

La notizia che fanno girare da qualche ora (con purtroppo grande successo a dimostrazione del numero di uTonti che frequenta la rete italiana) è questa:

ORRORE A BRESCIA, UCCIDE IL FIGLIO E POI SE LO MANGIA.

Maria Esposito, 39enne di Brescia, ha ucciso il figlio di 5 anni perché “piangeva e si lamentava” per poi divorarselo a morsi come in un film horror. Così al rientro a casa, Flavio Giavomelli, 42enne, padre del piccolo Mattia, si è ritrovato davanti a questa raccapricciante scena, la moglie a terra in un lago di sangue sopra il corpicino del figlio che presa da un raptus di follia stava riducendo Mattia a brandelli con dei morsi.
LA MAMMA SOFFRIVA DI DEPRESSIONE POST PARTUM Era in cura da uno specialista per depressione post partum che durava da anni, Maria Esposito, la donna di 39 anni accusata di avere ucciso e mangiato il figlio.

Non serve un gran lavoro per verificarla, la notizia non appare da nessuna altra parte, solo RaiNews24 live la pubblica, senza una fonte, senza riferimenti di tempo validi. La notizia è FALSA. Ma bastava scorrere le altre notizie del sito per accorgersene senza nemmeno aprire Google.

  • MATTEO, 5 ORE DI FILA PER IL NUOVO IPHONE MA IL TELEFONO È ROTTO

  • HACKERATO IL TELEFONO DI MARIO ADINOLFI, IN RETE LE FOTO HOT.

Sì, quelli sopra sono gli unici altri articoli presenti sul sito, non esiste alcun “chi siamo”, non c’è un disclaimer e il sito è registrato in forma anonima, per merito degli uTonti che stanno condividendo queste tre fòle però in pochissimi giorni ha raggiunto numeri ragguardevoli come traffico, e quindi si sta creando una sua “reputazione”. Vi prego, se avete amici che lo stanno condividendo convinti che tanto non fa male, spiegate loro che sono uTonti DOC.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!