Ragazzi occhio, sta circolando su Whatsapp un audio che v’invita a fare un gioco, chiamato il gioco del portafoglio o biglietteria dei 33 euro. Lo schema è un classico schema a livelli, dove chi lancia il gioco fa soldini, e gli altri restano a bocca asciutta, non fatevi infinocchiare.

L’audio lo trovate qui:

Dovrebbe bastare un pizzico di spirito critico per rendersi conto che qui l’unico/a che gode è il “ricevente” iniziale, che fa davvero un botto di soldi, senza spendere nulla, coinvolgendo un po’ di gente, la maggior parte della quale resta fregata.

Qualche calcolo…

(e vi avverto li ho fatti di notte, stanco, posso aver fatto errori, ma è il succo che conta, non le moltiplicazioni nd maicolengel)

Il racconto: un ricevente e 8 persone (fuochi o donatori, perché si parla di doni eh)

  • Il primo giorno gli 8 inviano 33 euro al ricevente (8*33=264 euro che si mette in tasca senza avere speso un euro se è il primo della fila).
  • Il secondo giorno gli 8 devono inserire nella chat altre 2 persone a testa (16) che donano al ricevente sopra di noi (16 per 33=528 euro)
  • Il terzo giorno noi siamo nella posizione di attesa, perché sono i 16 del secondo che invitano altri 32 che donano tutti 33 euro al ricevente di cui sopra (32*33=1056).
  • Il quarto giorno i 32 di cui sopra sono diventati 64, noi riceviamo soldi da 8 (quindi 264), ma di questi nuovi 264 euro che riceviamo solo 33 ce li mettiamo in tasca, gli altri 231 li doniamo al solito primo ricevente (231*8=1848,00 euro) chi è in cima alla catena a questo punto ha incassato 264+528+1848=2640 euro.
  • Nel frattempo anche le persone coinvolte nel gioco sono aumentate, ora sono 128 quelle del gradino più basso (e siamo solo al quinto giorno) che sommate alle 64 del quarto alle 32 del terzo alle 16 del secondo e alle 8 del primo fanno 248 (più il ricevente, che di solito a questo punto si defila). Incassiamo 528 euro a testa (ma nel frattempo solo i 16 del giro dopo di noi hanno rivisto l’investimento iniziale di 33 euro) tutti gli altri sono ancora in perdita.
  • Il sesto giorno la base è di 256 persone coinvolte, il giro di soldi per fare sì che quelli dopo di voi incassino almeno 528 euro è grosso, tutti gli altri sono in perdita. A voi non entra nulla.
  • Il settimo giorno la base è di 512 e finalmente anche i 16 dopo di voi hanno finito in qualche modo la catena.
  • Purtroppo all’ottavo giorno il numero degli iscritti passa a 1024, ci sono oltre mille persone coinvolte per permettere ai 32 del terzo giorno di rivedere i propri 33 euro. Oltre ai 1024 dell’ultimo livello dobbiamo contare tutte gli altri “fuochi” fino al quarto giorno, quindi 1024+512+256+128+64=1984, servono quasi duemila “donatori” per far sì che 32 persone ricevano indietro i 33 euro che avevano versato al terzo giorno. Lo capite che a questo punto abbiamo quasi duemila persone che devono avere ancora indietro l’investimento iniziale? Per mandarle in pari tutte dobbiamo coinvolgere sempre più gente in un circolo infinito, dove la maggior parte ci avrà sempre rimesso.

Economia circolare e solidale la chiamano, ma è una presa per i fondelli, dove l’unico avvantaggiato è quello in cima alla piramide. Si arriva a un punto di rottura della catena dove il sistema non riesce ad avanzare e quelli che ci rimettono sono tutti quelli entrati dopo i primi livelli. Non saprete mai da che punto della piramide state partendo, se i vostri amici conoscono già il gioco è ovvio che siete più in basso di loro. Non cascateci. Per permettervi di rivedere i vostri 33 euro iniziali nel gioco devono essere già coinvolte troppe persone, magari amici, parenti.

Tutto l’ultimo gruppo di persone che entra prima che la cosa crolli si trova con certezza in difetto di 33 euro. In compenso chi è in cima ha fatto qualche migliaio di euro in nero, che spenderà comodamente alla faccia vostra. Non vi ricorda nulla?

Come difendersi?

Il ricevente iniziale è abile, diffonde il messaggio su WhatsApp, crea le chat dove far incontrare riceventi e donatori, e può lanciare il gioco in più gruppi senza fare alcuna fatica, basta che arrivino al quarto giorno di giro di denaro perché lui si porti a casa un discreto gruzzoletto. Sì certo, voi alla fine ci avete rimesso “solo” 33 euro, ma lui ne ha incassate migliaia, ha senso? Cancellate dai contatti chi vi manda questi messaggi, se sono amici stretti o parenti cercate di ragionarci, altrimenti isolateli, solo così è possibile limitarne la circolazione.

Un ultima considerazione

Negli anni passati ho dovuto trattare più volte quelle che alcuni di voi definiscono innocue catene, di solito a base di libri, spesso per bambini

Perché mi ostino a trattarle? Anche se regolarmente ho mamme e papà ad accusarmi di essere insensibile nei confronti delle loro innocue fantasie? Perché ritengo che chi mette in giro le altre campagne catena su libri e giocattoli stia solo censendo le persone che poi saranno più facili vittime di catene dove invece che libri o giocattoli usati si mandano 33 euro.

Vista la viralità della truffa ci abbiamo fatto anche un video:

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!