55ANNICARCERE

Non dico mica, il signor Radoslaw Czerkawski merita sicuramente una punizione ma 55 anni di carcere mi sembrano un poco esagerati, a meno che non siamo in paesi dove se ammazzi qualcuno arriva la pena di morte istantanea.

E difatti TUTTI gli articoli che hanno circolato sul web (e non solo) italiano da Novembre 2013 ad oggi sono il classico esempio di pseudo giornalismo contro cui Butac combatte da sempre!

today-cane-55anni
Radoslaw Czerkawski  per ora è tenuto in carcere senza che nessuno l’abbia condannato a 55 anni, e comunque NON per le violenze sul cane, ma più per il furto di denaro ai danni dell’anziana di cui si prendeva cura. Sia chiaro, lungi da me difenderlo, ma combattare la pseudo informazione che leggete sulle vostre amate testate giornalistiche è uno degli scopi del mio blog, lo so mi faccio amare da pochi, ma poco m’importa.

Finché non vi renderete conto che si tratta di testate che andrebbero velocemente abbandonate io non mi fermerò. Tanto è stato il mio disappunto vedendo le nomination per i prossimi Macchia Nera Awards, di 10 testate giornalistiche nominate:

miglior sito di news

In questa lista compare l’ANSA che solo in quest’anno ha collezionato svariate figuracce (l’ultima quella della sesta stagione di Breaking Bad, bufalona galattica per cui si necessitava solo di 5 minuti di fact checking). Compare Fanpage che abbiamo trattato svariate volte, l’Huffington Post che credo in tanti miei lettori abbiano imparato ad evitare…per non parlare del Fatto Quotidiano e la Repubblica. Com’è possibile che 5 su 10 siano testate che fanno del fact checking una pratica in via d’estinzione? Come è possibile che quando le leggete non vi accorgiate di quanta poca attenzione c’è per il lettore e quanta invece ce n’è per attirarlo in maniera ingannevole? Click click…un click dietro l’altro, questa è l’unica regola per questa gente, più clikki più guadagnano, più condividi più hanno visibilità…e io mi deprimo! #giornalistaribellati so che non è colpa tua…

Ma vabbè, a parte la polemica poco utile (noi ai MIA abbiamo scelto di non provarci nemmeno ad invitarvi a votarci, non c’interessano fama e premi fittizi, ma solo riuscire a fare corretta informazione, e so che siete in tanti a leggerci, questo mi basta!

Torniamo alla notizia del torturatore di cani, Radoslaw era stato arrestato a Novembre 2013 a causa delle torture inflitte al suo povero cane…ma subito dopo l’arresto si era scoperto che non solo aveva torturato il suo cane, ma aveva anche derubato l’anziana a cui faceva da badante di oltre 130mila dollari, mica bruscolini…i 55 anni di cui si parla erano ogni singolo capo d’imputazione sommato all’altro, 5 per maltrattamento, 5 per denutrizione 5 per e così via. Ma ovviamente non si sommano queste cose…vengono solo citate in fase processuale per fare capire la gravità delle sue azioni…e difatti a tutt’oggi non si quale sia la sua condanna, la prossima udienza è fissata per Novembre 2014, ma mentre tanti siti animalari continuano a fare leva sulla violenza nei confronti del povero cane il giudice e il processo stanno andando per le lunghe più per la storia dei soldi sottratti!

Nessuna delle testate italiote che ne ha parlato in questi 12 mesi si è mai preoccupata di raccontarvi tutto questo, nessuna è stata curiosa di dirvi come le cose fossero andate avanti…e voi (tanti tantissimi) avete condiviso la loro disinformazione come se fosse roba seria…permettendo a questi giornalisti di mettere qualcosa da mangiare in tavola anche oggi, senza però averne davvero alcun merito.

Qui trovate le ultime notizie in merito al caso, foste davvero interessati!