Sbufalata flash:

Siete in tanti ad avermi chiesto nelle ultime 24 ore conferma che Matteo Salvini avesse indossato una maglietta con una scritta non proprio carina in barese. La foto (e relativa notizia) però è vecchiotta e falsa.

La foto è un classico fotomontaggio fatto per prendere in giro il nostro attuale Ministro dell’Interno. Spiegava Giornalettismo già nel 2015:

In molti insomma sono caduti nella foto che ritrae il segretario della Lega Nord con su una polo bianca che recita “Trimon” e sono caduti nel tranello: nessuna figuraccia, nessuno scherzetto. Se a una prima occhiata la stampa sembra autentica, guardando bene si nota infatti come sia il frutto di un neanche troppo elaborato ritocco grafico. La classica photoshoppata che come di consueto tra una risata e una smentita ha fatto il giro del web.

Io ammetto che da bolognese non avevo mai sentito il termine trimon, e non sapevo cosa volesse dire. Nei tanti articoli che nel passato l’hanno sbufalata ho trovato Fanpage riportare una descrizione molto completa su cosa voglia dire quella parola, e comprendo l’ironia per i baresi di vedere Salvini con quella scritta sulla pancia.

Da fanpage:

Trimone ( [trəˈmoːnə]) è un termine comunemente volgare (“trmòn” o “trmò” in dialetto) tipico della città di Bari e della sua provincia e in generale è comune in quasi tutta la parte settentrionale della Puglia, dove viene parlato il dialetto barese. Indica una persona particolarmente stupida, sciocca, ma più propriamente indica l’atto maschile del masturbarsi (‘spararsi un trimone’). E’ utilizzato sia con finalità offensive, in atteggiamenti meramente provocatori, sia come normale presa in giro fra amici, almeno per molti, nella sua funzione più comune.

Non credo serva aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su Paypal! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleL’adultera deve essere lapidata
Next articleRimozione o soccorso stradale?
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.