WHATSAPP

Cantami, o Diva, delle spunte blu e dei “visualizzati”…

Le notizie false relative alla nota app Whatsapp – spesso riciclate da altri defunti programmi di messaggistica istantanea come MSN – girano in tondo le bacheche fino a tornare al proprio punto di partenza: il nulla.

Molte di esse infatti, ad esempio le intramontabili catene relative a un’icona che diventerebbe blu dopo aver condiviso l’avviso con un tot di amici, oppure quella del pagamento a consumo, sono delle vere e proprie bufale. Da un chilo ciascuna.

In questo caso, due piattaforme online riportano diverse versioni di un fantomatico aggiornamento proposto dall’app, che conta circa un miliardo di iscritti: uno di questi aggiornamenti è illustrato da un* blogger che raccogliecitazioni e curiosità, l’altro lo troviamo su Yahoo Notizie. Entrambi citano l’introduzione di fantascientifiche spunte rosse che comparirebbero ad indicare che l’utente abbia visualizzato l’anteprima del messaggio ricevuto. Come? Tramite la fotocamera frontale dello smartphone:

sono in arrivo le “spunte rosse” che saranno in grado di comunicare al mittente se il messaggio inviato è stato letto anche solamente in anteprima (utilizzando la notifica a comparsa),tramite la fotocamera frontale dello smartphone. La fotocamerà sarà in grado di riconoscere l’occhio del destinatario, intento a leggere il messaggio, anche a chat chiusa e lo comunicherà  al mittente tramite la spunta rossa.

Ci rendiamo conto che questo non è tecnicamente possibile, vero? Che fa semplicemente leva sui timori per la nostra privacy, soprattutto in seguito all’introduzione delle discussissime spunte blu dell’anno scorso?

Vengono poi citate altre migliorie – nuove emoji, funzione videochiamate, collegamento a Tinder e, non ultimo, un trasformatore vocale che potrebbe regalarvi la voce di Luciana Littizzetto.

Fantastico, no?

Come non parlare, poi, del sistema “anti-ubriachi” che si propone di bloccare il vostro utilizzo dell’app in caso di reiterati errori ortografici notturni?

Ultima novità possibile è quella del “sistema anti-ubriachi”. Avremo infatti un sistema che bloccherà i messaggi tra le 7 di sera e le 5 del mattino nel caso di troppi errori ortografici. Si potrà disattivare seguendo una linea bianca con il dito!

Peccato che, nuovamente, e come amano dire i condivisori di bufale, “Nessuno ne parla”: nessuna testata, italiana o internazionale che sia, cita l’introduzione di aggiornamenti anti-ubriachi al sistema.

Il motivo è molto semplice: i 6 “aggiornamenti” di cui parlano raccoglitori di notizie come Yahoo sono presi pari pari dal pesce d’aprile di Radio Deejay. In barba alle evidenti difficoltà tecniche che si potrebbero evidenziare per ogni aggiornamento proposto, o la loro plausibilità, lo scherzo è stato preso per notizia vera e condiviso su altre testate e. ovviamente, a tappeto sui social network.

Cattura

Insomma, oggi possiamo varare una grossa spunta rossa, ma sull’indice fuffa di questa “notizia” dal contenuto strabiliantemente falso.

EDC

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!