Sta circolando (per ora sul web in inglese) questa notizia che vorrebbe il responsabile dell’errore alla cerimonia di apertura  delle olimpiadi di Sochi trovato morto accoltellato. Peccato che la fonte sia un sito satirico americano, sito che al momento ha in prima pagina notizie così:

Un tribunale ha ordinato a Justin Bibier di smettere di fare musica








La polizia ha trovato pillole per ingrandire il pene nella macchina di Justin Bibier










Putin ha dedicato le olimpiadi invernali di Sochi a Stalin

La storia racconterebbe di come la polizia abbia trovato Boris Avdeyev morto accoltellato nella sua stanza d’albergo, Boris sarebbe il tecnico responsabile dell’errore nei 5 cerchi olimpici durante la cerimonia d’apertura.

Nella notizia del Daily Currant vi sono particolari degni di Lercio, il poliziotto che insinua che forse non è morto, ma è scivolato su un set di coltelli

But who knows what caused them. Maybe he tripped and fell on a set of knives. Right now we’re ruling this an accidental death.

Commenti sarcastici del tipo:

…maybe Mr. Avdeyev should have thought twice before he screwed up the Olympics. Accidents tend to happen to people who betray Russia…

…forse Mr Avdeyev avrebbe divuto pensarci due volte prima di rovinare le Olimpiadi. Gli incidenti capitano a chi tradisce la Russia… 

Insomma una bella bufalotta burlona, ma negli states in in uk ha già iniziato a circolare, vogliamo scommettere che arriva anche qui da noi?

Qui trovate l’articolo del Daily Currant bufalocomicaro

http://www.series4free.com/2014/02/man-responsible-for-olympic-ring-mishap.html

http://www.idigitaltimes.com/articles/21831/20140208/man-killed-olympic-ring-fail-sochi-opening-dead-stabbed-hoax.htm

 

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleGli aforismi online
Next articleYelena Isinbayeva e la disinformazione omofoba
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.