Il giorno più caldo e la tempesta più violenta

13
84

IL GIORNO PIÙ CALDO… LA TEMPESTA PIÙ VIOLENTA…

CALDO

Macché… la solita fuffa sempre più fuffa in un 2×1 estivo!

Lo ripetiamo da sempre: più un titolo è sparato, più un record è urlato, più una notizia è eclatante e più è probabile che sia fuffa!

…e infatti oggi ci troviamo di fronte al sito meteoweb (!), che ci dice che il primo agosto, in Sicilia, è stato il giorno più caldo dell’anno.

Cattura

Ovviamente non è vero: più precisamente a noi non risulta nulla di quanto riportato nell’articolo, che peraltro contiene delle palesi contraddizioni.

In Sicilia è il giorno più caldo dell’anno: 1° agosto da record per il 2016

Super caldo in Sicilia, picchi di +42°C nelle zone interne centro/orientali dell’isola. Tutte le temperature del giorno più caldo dell’anno

Mentre la situazione meteorologica sta cambiando su gran parte d’Italia con fresco, piogge e temporali, in questo primo giorno di agosto la Sicilia sta vivendo la giornata fino ad oggi più calda di questo 2016. E lo sarà almeno fino a metà agosto, perchè nelle prossime due settimane non sono previste altre ondate di calore. Fino al momento (dati ancora parziali), le temperature massime più elevate sull’isola sono di ben +42°C a Noto e Francofonte, +41°C a Lentini, +40°C a Sciacca, +39°C a Siracusa, Modica, Caltanissetta e Riesi, +38°C a Caltagirone, Comiso e Agrigento, +37°C a Catania, Riposto, Pedara, Belpasso, Nicosia, Misilmeri, Corleone e Castelvetrano, +36°C a Marsala, Bronte, Ispica e Licata, +35°C a Palermo, Gela, Castellammare del Golfo, Giarre, Marineo e Salemi, +34°C a Messina, Vittoria, Caltabiano, Nicolosi, Mazara del Vallo, Torregrotta e Linguaglossa, +33°C a Trapani, Ragusa, Barcellona Pozzo di Gotto, Acireale, Acitrezza e Bagheria.

Da domani le temperature diminuiranno sensibilmente su tutta l’isola. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting:

Certamente avrete potuto leggere l’evidente contraddizione dell’articolo che dice dapprima Meteo01che “ …la Sicilia sta vivendo la giornata fino ad oggi più calda di questo 2016. E lo sarà almeno fino a metà agosto…” salvo poi subito aggiungere che “…perché nelle prossime due settimane non sono previste altre ondate di calore…”. Ma se non sono previste ondate di calore perché questo presunto caldo record dovrebbe continuare?

Mistero!

Altra contraddizione: la fine dell’articolo: “Da domani le temperature diminuiranno sensibilmente su tutta l’isola”. Voi capite che un articolo così ha valenza zero!

Tuttavia, se queste argomentazioni potrebbero essere già sufficienti da farci concludere l’articolo qua, noi, che siamo peggio di San Tommaso, siamo andati veramente a vedere che temperature c’erano il primo agosto in Sicilia.

Il problema però è: da quale sito affidabile prendere tali dati? Il web è zeppo di siti spazzatura senza nessuna valenza attendibile, che riportano fesserie solo per ottenere click: questa non è meteorologia, questa è fuffa 100%.

Abbiamo quindi pensato alla rete meteonetwork che, come recita il nome stesso, è una rete di stazioni meteo distribuite prevalentemente tra Italia e Francia. Cosa dice meteonetwork a proposito del caldo di ieri in Italia ?

Questo! Quali sono state le massime del primo agosto in Sicilia?

Meteo2

Ehi… le massime danno al massimo 38 gradi, siamo lontanucci dai 42°C sventolati al mondo…

Bisogna però notare che nella tabella di meteonetwork non sono riportate esattamente tutte le località in provincia di Siracusa.

Siamo quindi andati a vedere singolarmente ciascuna stazione nei paraggi di Siracusa per vedere quanti gradi centigradi ha registrato ieri la zona:

La stazione meteo di Sortino (SR):  35,9°C

La stazione meteo di Donnalucata (RG): 29,7°C

La stazione meteo di Vittoria (RA): 34,4°C

La stazione meteo di Ragala di Nicolosi (CT): 35,4°C

La stazione meteo di Catania Zona Ind.: 36,6°C

Premesso che le zone di cui sopra non sono le stesse identiche di quelle dichiarate da meteoweb, la domanda sorge dunque spontanea: perché sono sempre e solo i siti senza nessuna valenza autorevole a registrare le temperature di caldo o freddo record? Inverni polari, estati torride, eventi catastrofici preannunciati… Sempre e comunque qualcosa da far attirare l’attenzione di chi crede al catastrofismo più totale. Magari pure qualche complottista doc.

LEGGI ANCHE:  Ebola, la merda ha preso il volo...

Come se le sciagure di cui la cronaca quotidiana ci racconta non fossero sufficienti a placare la sete di qualcosa di disastroso.

L’altra domanda che sorge spontanea è che Siracusa e altre località adiacenti non sono riportate sui principali siti di stazioni meteo. Da dove provengono dunque i dati di meteoweb, poiché non crediamo posseggano una loro propria rete?

Ma non è finita qua…

Cattura

Sempre lo stesso sito in questione su un’altra pagina ci racconta che:

Previsioni Meteo shock, GFS si allinea ad ECMWF: estate già ai titoli di coda?

Previsioni Meteo, evoluzione clamorosa per i prossimi giorni: due grandi ondate di maltempo entro metà mese, temperature in picchiata. L’estate rischia di concludersi in grande anticipo, alto rischio di eventi estremi in molte Regioni (soprattutto al Sud)

I modelli atmosferici di previsione meteo sono molteplici: i più diffusi sono il GFS (prevalentemente in Usa) e il ECMWF (prevalentemente in Europa). Avendo altre differenze anche di elaborazione dati, è facile che diano risultati un po’ diversi. Ma l’elemento comune, al di là dei modelli meteo, rimane sempre quello del titolo urlato: “Previsioni Meteo shock” .

Quando vedete questi titoli cambiate sito!

L’articolo prosegue:

Dopo i clamorosi aggiornamenti di ieri del modello britannico ECMWF, stamattina anche lo statunitense GFS si è allineato alle mappe del centro europeo, confermando le migliori performance di ECMWF a prevedere con esattezza l’evoluzione meteorologica a medio/lungo termine. E così mentre le temperature stanno diminuendo in tutt’Italia, anche all’estremo Sud (in Sicilia Palermo e Catania sono ferme a +29°C in pieno giorno dopo il clima rovente di ieri quando le due principali città dell’isola avevano raggiunto rispettivamente +35 e +37°C, a Noto il crollo termico è stato ancor più netto con gli attuali +31°C dopo i +42°C di ieri; in Calabria a Crotone abbiamo appena +28°C dopo i +39°C di ieri), abbiamo prospettive veramente incredibili per i prossimi giorni.

1 – Quale “clamorosi aggiornamenti”? I modelli ECMWF li abbiamo visti pure noi. Eccoli qua dal 4 al 12 agosto:

ECMWF00

Nulla di clamoroso: situazioni bariche che per agosto rientrano nella cosiddetta norma. Eravamo abituati all’anticiclone africano ma non per questo deve ora gioco forza esserci.

Chiariamo che i modelli non sono previsioni. Le previsioni si fanno al massimo a tre giorni. Queste sono solo indicazioni meteo di possibili e più probabili configurazioni bariche a 850 HPa. E ci sono più modelli ECMWF che tengono conto di più variabili, su cui si fanno diverse carte leggermente diverse, come la seguente secondo cui la pressione sull’Italia sarebbe ben maggiore di quella vista in precedenza: cosa ci dicono questi signori di meteoweb?

GFSPANELAVGEU06_1

Le temperature si sono abbassate per un passaggio nuvoloso, ma quello che dicono: “così mentre le temperature stanno diminuendo in tutt’Italia, anche all’estremo Sud” è in palese contrasto con quello che hanno detto nell’articolo trattato agli inizi di questa pagina: “la giornata fino ad oggi più calda di questo 2016. E lo sarà almeno fino a metà agosto”.

Con quale criterio scrivono queste parole? Evidentemente scopiazzano in giro quel che trovano, indipendentemente dai contenuti.

Le “prospettive incredibili” dei prossimi giorni potrebbero (forse, ripeto forse) essere un progressivo e leggero calo termico con relativo aumento della nuvolosità, ma questo lo dicono pure le statistiche, che vedono agosto come mese meno caldo di luglio.

Tranquilli quindi, non ci stanno dicendo null’altro se non che l’acqua è bagnata!

L’estate potrebbe concludersi in grande anticipo, perchè l’Italia rischia di essere colpita da un violento ciclone nel weekend e poi la prossima settimana arriverebbero masse d’aria molto fredde direttamente dal circolo polare Artico.

Il violento ciclone al momento è molto improbabile anche se tecnicamente non impossibile. Ma che l’estate sarebbe per questo qua terminata, è una emerita cretinata utile solo ad esser data in pasto al lettore fesso. E allora ben venga di tutto, magari pure la… neve!

In verità nessuno può dirlo a 5-10 giorni di distanza: si può avere solo un’indicazione generale di tendenza, che è quella vista nei modelli, i quali tuttavia non promettono enormi burrasche come ci vogliono far credere quelli di meteoweb. Vi siete chiesti perché usano il condizionale “…potrebbe concludersi…” e poi dicono “…rischia di…”: se si è certi di un evento perché usare il condizionale? Una tacita conferma tra le righe.

LEGGI ANCHE:  Soldi ai gay?

La verità è che manco loro lo sanno, ma nonostante ciò sparano la notizia attira click.

Adesso, proprio quando ci si poteva aspettare per il terzo anno consecutivo una “rivincita” dell’anticiclone, le previsioni meteo sono davvero clamorose per il mese di agosto: rischiamo che l’estate finisca in grande anticipo, e che le settimane “clou” delle vacanze, quelle che ci porteranno dal prossimo weekend fino a dopo Ferragosto, siano compromesse dai fenomeni meteo estremi. Prima arriverà questo ciclone con una goccia fredda in quota che non solo farà crollare le temperature ulteriormente in tutto il Paese, ma anche maltempo estremo.

Per il terzo anno consecutivo? Semmai il secondo: tutti ricordano l’estate del 2014 come la meno calda degli ultimi 10-15 anni, dove il “cammello”, ovvero il famigerato anticiclone africano che tanto caldo ci porta solitamente, ha fatto solo un’incursione di circa una settimana verso la prima decade di giugno. Lo ripetiamo ancora: l’episodio meteo estremo può sempre capitare nei prossimi giorni, ma dalle carte viste lo riteniamo davvero poco probabile, al punto da sorridere leggendo i sensazionalismi di meteoweb.

Inizierà nel pomeriggio/sera di giovedì 4 agosto, con violenti temporali al Nord, e poi venerdì 5 entrerà nel vivo con altri forti temporali al Nord in mattinata, in estensione anche al Centro/Sud nel corso del pomeriggio/sera. Nel weekend, tra sabato 6 e domenica 7 agosto, i fenomeni si intensificheranno in tutto il Centro/Sud con piogge torrenziali, violenti temporali, forti venti, grandinate e trombe d’aria. Proprio le trombe d’aria saranno una caratteristica molto pericolosa di questa perturbazione: i contrasti termici saranno tali da generare tornado pericolosissimi.

Ma su che basi, questi dilettanti fanno previsioni meteo così circostanziate a 7-10 giorni di distanza? Ci manca solo Wanna Marchi che ci dia i numeri vincenti e poi siamo a posto!

Un arrivo in quota di aria nordica può rallentare, accelerare, deviare di 300 km ad est o a ovest: cosa sono 300 km di deviazione su un viaggio di  3-4.000 km? Questo però sarebbe sufficiente ad anticipare, ritardare o spostare completamente il luogo del calo termico, che potrebbe essere l’Italia ma verosimilmente anche la Francia. Un giorno prima o il giorno dopo!

Cose che questi signori ignorano, se si spingono a questi livelli. E dalle carte viste sopra, questo sconvolgimento meteo preannunciato non sembra essere in previsione.

Andiamo a vedere cosa ci dice Arpa Emilia Romagna, uno dei più autorevoli siti meteo esistenti, per quei giorni:

arpa2

Non so se notate una “lieve” differenza nei termini usati, oltre che ovviamente nei contenuti. Per il resto avete già capito!

Agosto si è sempre contraddistinto per fenomeni temporaleschi violenti: la seconda parte dell’estate è tendenzialmente ricca di energia nell’aria (umidità e temperatura) che, con l’arrivo di qualche corrente fresca dai settori settentrionali, può innescare violenti rovesci con i relativi annessi e connessi (grandine, trombe d’aria, “bombe d’acqua”, ecc.). Nessuna novità dunque: ve lo posso testimoniare personalmente ricordando l’esperienza vissuta nella vacanza al mare con la mia famiglia in quell’agosto 1976 quando a Gabicce Mare (PU) un violentissimo rovescio causò l’alluvione in paese nelle adiacenti zone al torrente Tavullo, proprio dove risiedevo.

Godetevi quindi tranquilli le vacanze estive: se qualche goccia d’acqua dovesse bagnarvi la capoccia sarà in linea con quanto visto in passato, senza nessun catastrofismo tanto di moda oggi nel web.

Siate quindi utEnti, non utOnti, come ama sempre ripetere il fondatore di Butac.

Lola Fox

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!