Migrante stupra ragazza e si vanta

8
138

PSEUDOGIORNALISMO:

Il Giornale riporta un video di non precisata fonte e senza alcuna verifica, video che circola in rete almeno dal 2015 nella sua versione sottotitolata. È il racconto, in tedesco, da parte di un presunto immigrato (probabilmente turco) su un presunto stupro fatto da lui e sei suoi amici ai danni di una non precisata vergine, non è definito quando, non è definito dove, non ci sono prove a supporto del video. Ma per il Giornale è una cosa da condividere in rete il 23 dicembre 2016.

Per i lettori di BUTAC:

Più o meno vi ho già detto tutto nel sunto con cui apro l’articolo, ma vorrei che mi seguiste per qualche minuto, perché qui davvero stiamo toccando punti bassissimi dell’informazione italiana. Partiamo dall’articolo, che si trova condiviso sui social network italiani in questa maniera:

Vedete da qualche parte indicazioni su dove siano avvenuti i fatti? No, il claim con cui viene condiviso sui social network è solo:

Migrante stupra ragazza e si vanta. “Così in sette l’abbiamo deflorata” Il racconto choc di un migrante. In un video del 2001 tornato a galla sul web….

Il titolone acchiappacondivisioni

Molti vedono il titolo e condividono a priori, senza nemmeno leggere la prima riga dell’articolo che sostiene si tratti un caso del 2001 (che non si capisce perché debba venire condiviso oggi). Non importa che si tratti di soggetti residenti in Germania, probabilmente da anni, e quindi non collegati ai movimenti migratori attuali, oltretutto lo stesso traduttore che ha sottotitolato il video in tedesco specifica che a suo dire sono turchi o medio orientali, i turchi sono un popolo che ha avuto grandi migrazioni verso la Germania specie tra il 1974 e il 1988, molti di quelli che vediamo oggi parlare tedesco con l’accento nel video condiviso da Il Giornale sono immigrati turchi di seconda generazione, nati in Germania.

Poche informazioni e poca risoluzione

Il racconto choc di un migrante. In un video del 2001 tornato a galla sul web, viene descritto uno stupro di gruppo ai danni di una ragazza vergine

Un video tremendo e agghiacciante sta facendo il giro del web. Il filmato mostra un uomo dai chiari tratti arabi che orgoglioso si vanta di come lui, e un gruppo di sei persone, abbia stuprato una ragazza vergine.

Queste sono le prime righe dell’articolo, notate che ancora non si è data una collocazione geografica dei fatti, solo il fatto che il video risale al 2001 (sulla base di che verifica dei fatti ce lo diranno poco dopo). Passate queste righe abbiamo un’immagine, davvero poco chiara, decisamente pixellata:

LEGGI ANCHE:  Indignazione populista, terroristi e vittime

Per me in quel video potrebbe esserci chiunque (non fosse per l’accento, che però si può imitare), per il Giornale si tratta sicuramente di un arabo.

La fonte

Dopo gli stupri di Colonia e le violenze che si susseguono da parte dei migranti ai danni di donne europee, specilamente in Germania, il filmato registrato nel 2001, come specificato dalla persona che l’ha caricato, è tornato a galla tra l’indignazione degli utenti internet.

Se è per questo il filmato io l’ho trovato condiviso nel 2015, ad inizio 2016, non ne ho trovato una particolare traccia proprio così a ridosso del Natale 2016, ma forse io e il Giornale non frequentiamo gli stessi canali d’informazione.

Gelolocalizzazione tardiva

Per arrivare a sapere dove sarebbero avvenuti i fatti siamo dovuti arrivare ad almeno otto righe dall’inizio dell’articolo, dove ci viene anche raccontata la fonte del tutto, un non identificato soggetto che ha caricato il video da qualche parte (anch’essa non linkata, presumibilmente un canale social). Vi sembra abbia senso che una notizia del genere venga riportata su una testata storica come il Giornale?

Tutti i siti che linkano il video da dicembre 2015 ad oggi sono di estrema destra, nessuno di quelli che ho trovato parla del 2001. Ma onestamente non ho avuto voglia di girarmeli tutti, quello da cui sembrano esser partiti è un video su LiveLeak del 21 dicembre 2015 che ci dice:

This video hit social media recently and has nearly 6 figures in views and has sparked a serious manhunt in Germany for the attackers.

**** I AVE JUST BEEN INFORMED THIS IS FROM 2011 ****

L’autore del pezzo sul Giornale avrà letto male, e avrà interpretato 2001 invece che 11, ma anche nel 2011, cercando nella cronaca tedesca non trovo traccia dell’episodio, con o senza riferimento alla nazionalità degli assalitori. Come se uno stupro di una ragazza per mano di 7 persone non sia da riportare, è strano, visto che ne vengono riportati tanti altri. Quindi ci manca una fonte verificata, abbiamo solo un video (sgranato male, parlato in un tedesco slang –german ghetto è definito su Reddit) che viene deciso sia sufficiente per farci un articolo di giornale.

LEGGI ANCHE:  L'aceto di vino sparito per colpa del Corano?

CONCLUSIONI

Non so come definire il tutto, provvedo a segnalare ai firmatari della Carta di Roma, a salvare l’articolo su webarchive, e a dare un piccolo consiglio: cara redazione de Il Giornale, in caso mi leggeste e decideste di intervenire con correzioni siate bravi, non cancellate l’articolo, sostituite il titolo e la descrizione SEO, spiegate che vi manca la verifica dei fatti, ma lasciatelo pure, d’altronde è vero che da dicembre 2015 circola tanto, è lecito parlarne, ma farlo nella maniera corretta è il sistema per evitare di disinformare.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon, può bastare anche il costo di un caffè!

Articolo precedenteLa bambina di Aleppo
Articolo successivoFakeNews, Messora, Chiesa e Aleppo
45 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo quasi tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.