Agnese Renzi

A me lascia esterrefatto che ci siano tanti che mi hanno segnalato quest’immagine:

wp-1480332793774
“Mi dispiace ma anche io voterò NO al Referendum” Agnese Renzi

Onestamente cosa voterà la signora Agnese Renzi al referendum non m’importa, sono affari suoi e del segreto della cabina elettorale. M’importa molto di più che ci siano tanti che senza porsi un dubbio la stanno condividendo alla stessa maniera dei posterini politici, senza accorgersi che siamo di fronte all’ennesima trollata del buon Ermes Maiolica. Non esiste altra fonte se non lui, cascarci è sciocco quando ci vogliono davvero pochi secondi per scoprire la fonte dell’immagine.

La sbufalata è finita qui, se ci avete creduto fatti vostri.

Ermes Maiolica, la star

Ermes è odiato/amato da un certo popolo del web, da chi adora le sue gag irriverenti a chi invece trova il suo modo di fare satira polemica fastidioso e irrispettoso, a chi infine è preoccupato che ci sia sempre più gente che ci casca e quindi vorrebbe che Ermes smettesse. Io sono amico con Ermes, lo sono dai primi tempi in cui si è affacciato sulla rete con le sue notizie fasulle, e ammetto di averlo difeso spesso e volentieri. Non faccio girare le sue bufale, non mi diverto a prendere in giro gli amici che ci cascano ma in più di un’occasione ho evitato di sbufalarle subito giusto per vedere chi se la beveva. Da mesi ormai ho scelto di trattare le invenzioni di Ermes il meno possibile, ci sono colleghi che lo fanno benissimo, e Butac da sempre cerca di tenersi lontano dalle notizie totalmente inventate, se è satira parlarne su un sito di demistificazione è, a mio parere, inutile. Chi c’è cascato non ha gli strumenti per capire quella satira e non la capirà neppure dopo che gliel’hai spiegata. Quindi che senso ha perderci tempo?

Ermes va in TV

Quello che è più curioso è vedere come i vecchi media non sappiano come rapportarsi con questo folletto del web, lo invitano in TV senza rendersi conto che il suo fare da troll della rete è proprio una protesta sul quantitativo di fuffa che i media mainstream ci propinano ogni giorno. Ma per i giornalisti è solo un’altra notizia da dare, solo un altro sistema per fare audience. E così lo “mitizzano” senza accorgersi che lui è il loro peggior nemico, lui è li proprio per far capire a loro che è l’ora di dire basta all’infinità di sciocchezze che ci propinano ogni giorno, basta alle notizie manipolate per portare acqua al proprio mulino, basta al giornalismo senza controllo che viene diffuso da tempo.

Ermes va anche all’Università

Persino la Bicocca l’ha invitato a partecipare ad incontro sulle bufale, per esporre il proprio punto di vista, purtroppo non ho assistito all’incontro, ma sono sicuro che in pochi avranno compreso. Lo dimostrano i titoloni sui giornali che continuano a sbeffeggiare gli uTonti che cascano nelle bufale di Ermes, senza rendersi conto che i primi da sbeffeggiare sono proprio loro. Un esempio, Quotidiano Nazionale pubblicava una copertina così dedicata ad Ermes:

il_giorno_25-11-2016

Quando giusto due giorni dopo, sulle pagine dello stesso giornale veniva pubblicato un comunicato di Lorenzo Croce “presidente” dell’AIDAA:

15211787_10211818677126260_1379687020_n

E chi legge Butac ben sa chi sia Croce e cosa sia AIDAA. Dimenticavo che Croce, con lo stesso identico argomento, i preti cacciatori, era già finito persino a Striscia la Notizia (con una piccola partecipazione anche del qui presente maicolengel/Michelangelo Coltelli), ci voleva molto a inquadrare il soggetto?

Diamo pure spazio a Ermes Maiolica, spieghiamo perché trolla il mondo, ma poi magari cerchiamo di fare un po’ più attenzione alle notizie che pubblichiamo, no?

E invece regaliamo autorevolezza ad un’associazione che di autorevole non ha proprio nulla, il cui presidente fa carte false pur di tirare su due donazioni con cui tirare a campare. Vi pare sensato? Mostrate ai lettori il re delle bufale per poi essere voi giornalisti i primi a pubblicarne a tutto spiano. Guardate che Google è vostro amico, non ci vuole poi molto a fare delle verifiche.

Umberto Eco è morto e non voterà Sì al prossimo referendum, Ermes invece gode di ottima salute.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!