albania-1991-refugees-boat-full2

Avevamo già parlato della Vlora, perché l’anno scorso qualcuno spacciando questa stessa foto aveva cercato di sostenere fossero gli sbarchi dei profughi che scappavano dalla Libia.syrianseuropean2

Si trattava di una bufala, esattamente come oggi. Il testo che accompagna l’immagine cita così:

These aren’t Syrians. They’re europeans trying to get to North Africa during World War II. So next time you think of closing the borders you might want to check with your grandparents.

Io capisco il messaggio che si vuole fare passare, ben venga, ma farlo con una sciocchezza così epocale rende vano il tentativo.

Questi non sono europei che cercano di andare in Nord Africa durante la seconda guerra mondiale! Come spiegavamo un anno fa:

la foto che accompagna il tutto è la nave Vlora che il 7 Agosto 1991 venne presa d’assalto nel porto di Durazzo da 20.000 albanesi in fuga dopo la caduta del regime che avevano intenzione di andare a Brindisi, ma scortata venne  fatta approdare a Bari. Quello raffigurato nell’immagine è il più grande sbarco di clandestini mai avvenuto in Italia…

albania-1991-refugees-boat-full

Lo traduciamo anche in inglese, nel caso qualcuno degli oltre 11mila ci trovi:

The ship in the photo is the Vlora, August the 7th, 1991. It was stormed in the port of Durres to 20,000 Albanians fleeing after the fall of the regime. They were trying to reach Brindisi , but were escorted and docked in Bari . This has been the largest arrival of illegal immigrant in Italy.
L’idea che qualcuno spacci la cosa con quel testo mi lascia seriamente sconcertato. Questa non è storia antica, sono solo 24 anni fa. Queste immagini fecero il giro del mondo, cercare di spacciarle per altro, e vedere oltre 11mila persone crederci è veramente deprimente.
Non scordiamoci il passato recente, è importante per il nostro futuro.
Per onor di cronaca, il post dove l’ho trovata io riporta nei commenti la correzione, ma continua a venire condiviso con il testo originale. Basterebbe editare quello perché tutti si accorgano dell’errore, ma evidentemente non c’è la volontà di farlo.
Mi lascia un po’ più sconcertato vedere tra i tanti che l’han condivisa anche uno che reputo esser un italiano condividerla alle sue migliaia di follower su twitter


maicolengel at butac.it