Su il Secolo XIX il primo agosto è stato pubblicato un video che mostra i laghi colorati di rosso. Il testo che accompagna il video è il seguente:

Il clima torrido ha trasformato il colore naturale del lago salato di Yuncheng, nel nord della Cina: le sue acque hanno assunto delle sfumature brillanti tendenti al rosso. Il motivo? La concentrazione altissima di Artemia salina, un crostaceo simile ai più comuni gamberetti: l’animale si è riprodotto a grande velocità stimolato dal calore. Il colore rosso è dovuto anche alla proliferazione delle alghe, aumentate anch’esse con il caldo e che riflettono la luce del sole dandole tonalità vermiglie. Il lago nella provincia dell Shanxi è uno dei tre grandi bacini di solfato di sodio sulla terraferma: gli altri due laghi salati sono il Great Salt Lake nello Utah e il lago Kuchuk in Siberia.

La notizia non è uno scoop, e nemmeno falsa, è vero che ci sono laghi che sono colorati di rosso, in Cina come in altre parti del mondo. Nulla di così sconvolgente, nulla che meriti l’ennesimo video che circola sul web. Quello però che ha attratto l’attenzione di chi mi ha segnalato l’articolo non è il rosso del lago, ma il paragone tra l’Artemia salina e i gamberetti. Capiamoci, entrambi sono crostacei, ma l’Artemia è decisamente distante dal gamberetto. Parliamo di un crostaceo di dimensioni minuscole. Guarda caso sono esattamente gli stessi animaletti che qualche decina d’anni fa venivano pubblicizzati come “scimmie di mare”, e chiunque abbia l’età per saper di cosa sto parlando e ne abbia visto un acquario sa che non sono gamberetti.

Le ragioni della colorazione di quei laghi sono dovute principalmente ad alghe che assumono differenti colorazioni in base alla temperatura dell’acqua, sicuramente all’interno degli stessi ci saranno anche le scimmie di mare, il cui habitat naturale è quello, ma definirle “simili a gamberetti” è portare il lettore decisamente fuori strada. Le scimmie di mare sono crostacei minuscoli, nell’ordine di pochissimi millimetri di dimensioni. E non sono loro la causa principale della colorazione di quei laghi.

Avevamo già parlato di laghi rosso sangue qui su BUTAC, ma quella volta erano in Iraq.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!