Su ItaliaOggi appare un articolo che titola:

Ecco la solidarietà dei tedeschi: una patrimoniale del 14 per cento

Lo stesso articolo viene rilanciato da Antonio Rinaldi, senza alcun approfondimento:

Rinaldi è un europarlamentare, quindi un nostro dipendente, che rilancia la notizia di un giornale. Peccato che la stessa notizia riportata sul giornale sia un falso, o meglio un avvelenamento del pozzo. Perché basta leggere l’articolo per rendersi conto dopo pochissimo che non si sta parlando di una proposta “della Germania”. E nemmeno di un’ipotesi lanciata da qualche politico. No, ItaliaOggi ha scelto di riportare come titolo non delle valutazioni commissionate dal Governo tedesco, ma l’ipotesi lanciata da un giornalista economico, Daniel Stelter, su una testata che parla di finanza, Manager Magazine.

E no, non si tratta di un’ipotesi vincolante per gestire gli aiuti europei, tutt’altro, si tratta di un’ipotesi su come il nostro Paese, per merito della ricchezza privata, potrebbe risollevarsi dagli ultimi vent’anni di stagnamento. Viene spiegato tutto molto bene nel testo di Daniel Stelter, che però ItaliaOggi evita attentamente di linkare ai propri lettori.

Tutto l’articolo di Stelter lo potete trovare qui, non parla solo dell’Italia, fa lo stesso esempio anche con Spagna, Portogallo e Belgio.

Dare a intendere, come ha fatto il titolone di ItaliaOggi – e come fa Rinaldi nel rilanciarlo – che si tratti di posizioni del governo tedesco significa voler avvelenare il pozzo. Purtroppo una pratica sempre più comune nel nostro Paese.

Avvelenare il pozzo durante un’emergenza sanitaria (ed economica) come quella attuale, a mio avviso, è qualcosa che dovrebbe venir punito severamente. Rinaldi dovrebbe preoccuparsi di spiegare meglio le cose, smentendo il suo post su Twitter e spiegando che non si tratta di proposte governative (sempre che lui l’articolo l’abbia letto, verificato e compreso).

Non credo di poter aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!