Una lettrice mi ha segnalato una storia che non conoscevo e che mi ha incuriosito molto. Nella lotta contro la TAV, oltre alle ragioni ambientaliste, ce ne è un’altra che mi mancava totalmente. La TAV, secondo alcuni, sarebbe un modo per bloccare la Linea sacra di San Michele Arcangelo.

Su un sito che si chiama ViaggiNews ho trovato un articolo che mi racconta di come la “Sacra Linea” sia composta da 7 santuari:

La linea di San Michele: l’itinerario dei 7 santuari allineati

Sono elencati tutti:

  • Skellig Michael (Irlanda),
  • St Michael’s Mount (Gran Bretagna),
  • Mont Saint Michel ( Francia),
  • la Sacra di San Michele (Piemonte, Italia),
  • San Michele ( Puglia, Italia),
  • Monastero di San Michele (Grecia),
  • Monastero di Monte Carmelo (Israele)

Sempre su ViaggiNews ci viene raccontato che:

…è sorprendente a disposizione di questi santuari sulla linea: i tre siti più importanti Mont Saint Michel in Francia, la Sacra di San Michele in val di Susa e il santuario di Monte Sant’Angelo nel Gargano sono tutti alla stessa distanza.

E proprio su quei tre trovo un articolo su un blog che si chiama Max Berliner, dove è presente un articolo che s’intitola:

TAV – Alta Velocità in Val di Susa e la linea sacra di San Michele

E dove ci viene raccontato che la TAV è:

 …un attacco brutale e ben programmato, ben al di là dell’aggressione alla natura ed alla salute fisica… Val di Susa : cosa rappresenta questo luogo nella geografia sacra del mondo?
Un punto fondamentale degli equilibri energetici europei. Un “chakra” importantissimo è situato all’imboccatura della Val di Susa, da cui si dipartono “nadi”, canali energetici che vanno a creare un asse importantissimo verso Nord-Ovest e verso Sud-Est.

Vediamo di concentrarci su questi tre punti cardine della linea di San Michele Arcangelo: sono davvero alla stessa distanza?

La prima cosa che salta agli occhi, anche senza bisogno di un righello, è che i tre monasteri citati non sono sulla stessa linea, solo con molta approssimazione possiamo farceli stare. Non è difficile rendersene conto, basta aprire un qualsiasi programma di mappe, salvare le location precise delle tre chiese e guardare.

Li vedete sono i tre puntini blu in mappa. Ma se preferite possiamo tirare una linea retta per vedere se sono sulla stessa “linea energetica”.

Di linee però ora ne vedete tre, perché non c’è modo per cui una linea retta in mappa tocchi tutti e tre i monasteri. La linea blu tocca il Gargano e Mount San Michel in Francia, la rossa tocca Francia e Sacra di San Michele in Val di Susa, quella marrone tocca la Sacra e il Monastero nel Gargano.

Quindi la piantina ci dice che non sono sulla stessa linea, vicine eh, ma non esattamente la stessa. Sia ViaggiNews che Max Berliner poi parlavano della distanza, sostenendo che anche quella fosse uguale. Sempre Google Maps ci permette di fare la distanza tra due punti in linea d’aria. Tra il monastero francese e quello in Val di Susa ci sono 772,79 km, tra la Val di Susa e il monastero in Gargano secondo Google Maps sono 790,81 km. Ci andiamo già molto più vicini a poter dire che sia la stessa distanza. Ma non possiamo affermare lo sia al millimetro…

Su Wikipedia ci viene spiegato (stranamente solo nella lingua inglese) che:

As with other ley lines, no scientific evidence indicates that the alignment was planned and meaningful, making the claim pseudoscientific, but commonly reported at these sites. Physicist Luca Amendola noted that the deviation of these sites from the loxodrome that allegedly connects them ranges between 14 km and 42 km. The alignment is likely to be a coincidence, as Europe has a high density of religious buildings and because of the prominence of Saint Michael in Christianity.

Che tradotto:

Come con altre linee di leva, nessuna prova scientifica indica che l’allineamento sia stato pianificato e abbia un significato, rendendo l’affermazione pseudoscientifica, ma comunemente riportata in questi siti. Il fisico Luca Amendola ha osservato che la deviazione di questi siti dalla linea lossodromica (anche se nei commenti viene giustamente fatto notare che sarebbe più corretto parlare di linea ortodroma) che presumibilmente li collega varia tra 14 km e 42 km. È probabile che l’allineamento sia una coincidenza, poiché l’Europa ha un’alta densità di edifici religiosi e a causa dell’importanza di San Michele nel cristianesimo .

E fin qui ci siamo: i monasteri sono su quella che somiglia a una linea di congiunzione probabilmente solo per pura coincidenza. Ma la cosa che m’interessa di più è come la TAV spezzerebbe la linea. Ci sono già strade e ferrovie che la attraversano. Quelle non la bloccano? In che modo avverrebbe il “blocco”? Cosa fa la TAV Torino-Lione che invece non fanno le altre linee ferroviarie sui percorsi che attraversano la “linea di San Michele”?

Intanto vorrei che fosse chiaro che la Chiesa cattolica ritiene queste teorie superstizioni e che la superstizione per la Chiesa cattolica è peccato. Lo spiega chiaramente il Catechismo della Chiesa Cattolica: 

 Il primo comandamento vieta di onorare altri dèi, all’infuori dell’unico Signore che si è rivelato al suo popolo. Proibisce la superstizione e l’irreligione. La superstizione rappresenta, in qualche modo, un eccesso perverso della religione; l’irreligione è un vizio opposto, per difetto, alla virtù della religione.

Credere a cose come la linea di San Michele Arcangelo è un eccesso perverso di religione, non lo dico io, lo dice la Chiesa. Se vi professate cattolici e credete a queste cose forse è il caso di una bella confessione.

Non ritengo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!