Sul sito ufficiale dell’Ordine Nazionale dei Biologi è apparso un articolo che al suo interno riporta un video che mi ha lasciato onestamente stupefatto. Il video viene direttamente dalla pagina Facebook personale del Presidente dell’Ordine, Vincenzo D’Anna.

Era stato pubblicato una prima volta il 18 novembre 2018 ed è stato rimesso in circolazione dallo stesso Vincenzo d’Anna sia su Facebook con una nuova condivisione, sia tramite il sito dell’Ordine, a un anno esatto di distanza dalla prima volta.

Notate qualcosa di strano? Nel video vengono mostrate cose in grande parte già ampiamente debunkate e spiegate in rete, da noi o da altri fact-checker. Come è possibile che il presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi non tenga minimamente conto della cosa?

Vediamo di capirci, nel video si parla di mele cerate, i video virali sulle mele cerate risalgono al 2015 e tornarono in circolazione nel 2017. Trattati da noi su BUTAC in entrambe le occasioni, spiegando con dovizia di particolari le cose, come si può fare allarmismo condividendo ancora quei video? Il suggerimento sull’usare acqua tiepida per lavare la cera va benissimo, sia chiaro, il concetto però è che non va usata acqua per lavare la cera, bensì per lavare la frutta che stiamo per mangiare, cera o non cera che sarebbe comunque perfettamente commestibile.

Poi si passa ad altre bufale, che a volte abbiamo trattato noi, ma che sono tutte riassunte nel video del sempre ottimo Dario Bressanini:

Non credo si possa aggiungere altro alla quasi mezz’ora di video del Bressa, o meglio, qualcosa vorrei fosse aggiunta, ma non da me che sono solo un piccolo blogger, ma dai biologi iscritti all’Ordine e dai tanti scienziati e comuni cittadini che hanno firmato il Patto Trasversale per la Scienza.

L’Ordine Nazionale dei Biologi deve essere tutelato da possibili derive pseudoscientifiche, non è possibile che condividano questo genere di allarmismi populisti per ignoranti in scienze.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!