MARGHERITE-FUKUSHIMA

ADNKronos ultimamente ci ha abituati a un servizio “un tanto al chilo”. È stato così anche ieri, parlando di margherite mutanti da Fukushima.

margherite1Spaventare, preoccupare, allarmare sta diventando una moda perché così si monetizza di più. Poco importa informare, anche se questo fosse lo scopo delle agenzie di stampa.

Il commento su Twitter più sensato è questo:

Senza fare allarmismo gratuito, bastava fare una ricerca online da qualche secondo per accorgersi che margherite con quella forma si trovano in rete senza parlare di mutazioni dovute a radiazioni. Questa qui sotto viene dalla BBC, nel 2008; la foto è scattata vicino ad Edinburgo e non mi pare che da quelle parti ci siano state catastrofi nucleari!

daisycbbc

E ancora, sempre nel 2008, su Flickr. In ambedue i casi, nessuna di queste margherite è frutto di radiazioni, tantomeno quelle ricollegabili a Fukushima.

Mutant Daisy

Non siete ancora convinti? Bene, provate a cercare “margherite mutanti”: se ne trovano a bizzeffe.

Aveva senso il pezzo di ADNKronos? Secondo me no. Ma il giornalismo in Italia è morto e sepolto.

maicolengel at butac.it

Previous articleI cani abbandonati
Next articleL’acqua per il cane
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.