tarantolabanana

Ci sono immagini che dopo esser state date in pasto alla rete vivono di vita propria, e circolano senza fermarsi più, vere o finte che siano, verificate o meno.

È il caso di questo set d’immagini che ci mostrano una tarantola frullata insieme ad una banana, fino alla consistenza di un milkshake, e nell’ultima foto si vede qualcuno che sta per assaporare il risultato finale.

pic_013_clean_790
Qui vi metto solo la miniatura, ma poi non dite che non vi avevo avvertito, se vi fanno schifo i ragni, non clikkate.

Ho trovato una prima menzione della foto (ma senza più immagine a corredo) in un articolo del 2005, su The Museum of Hoax, purtroppo già all’epoca non c’era modo di sbufalarla. Una fonte vera è introvabile, siti morti e scomparsi del tutto dalla rete, pagine con link non aggiornati, ci si deve accontentare delle descrizioni, dei commenti degli altri utenti che sono venuti prima di noi per aiutarci nelle analisi.

Su Reddit la stessa immagine è stata postata più volte, leggendo nei  vari thread degli utenti più d’uno evidenzia le motivazioni per cui le immagini non hanno senso.

  1. Una tarantola costa denaro, non poco, che senso ha ucciderla in quella maniera?
  2. Una tarantola è immangiabile senza venire prima arrostita per poter bruciare via i peli, che altrimenti sono urticanti e farebbero soffocare chi li ingerisse.
  3. Le zampe della tarantola galleggiano, fossero di una vera tarantola uccisa peserebbero e dovrebbero affondare nel liquido.

S’ipotizza che la tarantola sia stata sostituita da un esoscheletro derivante dalla muta della stessa. E che solo questo sia stato frullato, e comunque non bevuto, visto che non si trovano tracce di uomini uccisi da un frullato a base di tarantola e banane.

Purtroppo la mancanza di fonti rende la notizia non classificabile, lasciando ad ognuno di voi decidere come valutare i fatti sopra esposti. Vorrei ricordare a tutti quella che è stata per mesi la nostra immagine di copertina quando Butac aprì i battenti:

I mitici Bonsai Kitten.

maicolengel at butac punto it

Ricordatevi di votarci ai MIA Macchia Nera Awards!

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!