putin Italia

Questa frase non è mai stata detta dal premier russo, ma un certo tipo di siti la stanno divulgando per buona dal pomeriggio del 3 dicembre.

L’occasione fa l’uomo bufalaro, visto che Vladimir Putin ha appena fatto una conferenza stampa che ha avuto grande risalto sulla stampa mondiale i nostri impavidi cronisti della domenica decidono di inventarsi una news, certi che piglierà il volo.

L’Italia non deve temere l’Europa e non ha bisogno di inginocchiarsi” è quanto dichiarato da Vladimir Putin durante la conferenza stampa di questa mattina. “Se decidesse di uscire dall’Europa non rimarrebbe sola. La Russia sarebbe disposta ad accoglierla a braccia aperte” ha poi continuato all’interno del suo discorso. Secondo quanto dichiarato infatti il Cremlino vedrebbe l’Italia sotto scacco dell’Europa e avvertirebbe una “dipendenza” forzata nei confronti dell’Unione Europa.
“L’Italia vive in un clima di sudditanza invisibile imposto da un Governo troppo mite, potenzialmente rappresenta la terza potenza mondiale grazie alle sue riserve auree ma nella realtà dei fatti è l’ultima ruota del carro. Se gli Italiani aprissero gli occhi il Paese potrebbe risollevarsi economicamente in meno di un anno”.

Ovviamente la vera conferenza stampa è stata riportata dai più importanti quotidiani italiani, ed esteri, e da nessuna parte si fa cenno alla presunta dichiarazione. Esistono video della conferenza, e l’unico messaggio che viene passato è quello che potete trovare sulle prime pagine di tante testate nazionali e non:

putin-stampa

E sono parole decisamente meno rassicuranti.

L’idea che qualcuno  possa aver creduto alla falsa dichiarazione sull’Italia mi lascia lievemente basito. Ma la tattica è chiara, mettere in buona luce la Russia agli occhi di chi ingenuamente si fida di loro. Ne abbiamo già parlato.

maicolengel at butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!

Previous articleCarne di cane? Ma no…
Next articleOsama Bin Laden agente CIA?
46 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre tremila articoli come autore, oltre a collaborazioni varie. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire, non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.