È davvero l’ultimo bastardo dell’anno? Molte volte ci è capitato di trattare post di stampo animalista. Spesso vengono fatti per sensibilizzare chi li legge a delle problematiche importanti, ma molto più spesso servono solo ad insultare qualcuno, oltre a riportare dati falsi o adulterati – vedi la storia del branco di lupi di Dicembre.

Parliamo ancora di lupi perché ci è stato segnalato questo post del 30 Dicembre 2015.

lupo

Ecco l’ultimo bastardo dell’anno….guardate il,suo viso, la sua soddisfazione per aver tolto la vita ad un animale così puro…come è possibile come!!!!
Un dono …una creatura libera…una bellezza insuperabile che per divertimento viene ABBATTUTO.
MALEDICO TE E CHI TI HA IMMORTALATO IN QUESTA FOTO

Oltre 16mila condivisioni di un post che avrebbe potuto essere utilizzato per sensibilizzare su una questione importante, ma che invece viene usato solo per parole di odio e per creare una piccola bufala di fine anno.

Ecco l’ultimo bastardo dell’anno…

La foto non è del 30 Dicembre, e non è nemmeno di questo anno. Non sono un esperto di lupi, ma non credo esistano lupi così grandi in Italia. Questa foto, che a volte viene diffusa insieme ad altre sempre raffiguranti altri cacciatori con lupi morti, gira nel web da molti anni. Queste foto cominciarono a diventare virali grazie alle catene via email, ancora abbastanza diffuse ai tempi, dall’inizio del 2012. Ma già allora non si aveva la certezza di dove fosse stata scattata e in realtà c’erano molti dubbi sulla veridicità della foto. Dopotutto è un lupo enorme. Ma in realtà la foto è ancora più vecchia, è almeno del 2007

lupo2
notate che la foto è più lunga, si vedono più alberi, quindi versione più vicina all’originale

L’autore del post dice che

Not mine of course….but VERY nice indeed!

Questo significa che potrebbe essere ancora più vecchia. Nelle varie pagine che ho visitato ho trovato a volte anche la nostra amica – la foto del branco di lupi di Dicembre – in post di svariati anni fa, giusto per dimostrare ancora una volta quanto riciclo si faccia online. Come dicevo, queste foto hanno iniziato a girare molto dalla fine 2011/inizio 2012 per via della questione dei lupi dell’Idaho.

lupo 3

From what we’ve been told this giant wolf was taken by a hunter in Idaho. This photo is making the rounds on the internet.

Abbiamo scoperto che la foto è di almeno 4 anni prima di quel post e credo che non ci sia modo di sapere dove sia stata scattata. In realtà basterebbe che il cacciatore o il fotografo si facessero avanti, ma è un dettaglio oramai irrilevante. La “questione lupi dell’Idaho” nasce nel maggio 2011, cioè da quando il lupo viene tolto dall’elenco delle specie a rischio.

On May 5, 2011, wolves in Idaho were removed from the list of endangered species, and management reverted to the state under state code 36-1107, and guided byIdaho’s 2002 Wolf Conservation and Management Plan. [PDF, 662 kb]

Livestock and domestic animal owners may take nonlethal steps they deem necessary to protect their property. The Utah State University Extension’s brochureLines of Defense: Coping with Predators in the Rocky Mountain Region[PDF file]provides a great resource for nonlethal management options.

A permit must be obtained from the director to control (remove) wolves not molesting or attacking livestock or domestic animals. Control is also permitted by owners, their employees and agents pursuant to the Idaho Department of Fish and Game harvest rules.

Idaho Code states that wolves molesting or attacking livestock or domestic animals may be controlled (killed) by livestock or domestic animal owners, their employees, agents and animal damage control personnel. No permit from Fish and Game is necessary. The incident must be reported to the Fish and Game director within 72 hours (although additional time may be allowed if access to the site where taken is limited). Wolves taken in this manner remain the property of the state.

Tutto il mondo è paese e a quanto pare la gestione non è stata delle migliori e la caccia sembra essere sfuggita un po’ di mano. Nel 2014, dopo 3 anni, si parla di questi numeri

It’s exactly the kind of ugly behavior that we feared when Congress in 2011 stripped Endangered Species Act protections from wolves in the northern Rockies, where some 1,600 wolves have been killed since protections were lifted. And it’s clear, more mass killing is on the way.

L’ente governativo preposto al controllo nell’Idaho nel suo ultimo report di Marzo 2015 ci dice che la situazione è sotto controllo, e nel 2014 i lupi sono aumentati rispetto al 2013, sia come numero totale che come branchi. Probabilmente la novità della riapertura della caccia ha portato un grande numero di cacciatori nelle stagioni dal 2011 al 2013. Fino a Marzo di quest’anno non potremo avere dati per valutare se il trend in calo sia confermato anche per il 2015.

Forse invece che inutilmente maledire il cacciatore nella foto e aizzare gli animi degli utenti Facebook si sarebbe potuto cercare di sensibilizzare sui numeri reali di questo problema. Non è che da qui si possa avere molta influenza sull’Idaho Department of Fish and Game, ma all’inizio dello scorso anno gruppi animalisti americani sono riusciti a far cancellare un derby di caccia al lupo e coyote in Idaho.

Post su Facebook fatti in questo modo servono solo a far incazzare la gente, che poi tende a farsi viaggi mentali basati sul nulla. Ecco come alcuni hanno condiviso il post originale

Ma tanto si vantano …..di ste….mattanze…abiate i coglioni di mettere i vostri nomi sotto queste foto di merda……che chissa ….quanti premi ha domicillio vi arriveranno…..siete ….delle….merde…..e merde chi vi gira in torno…….parenti.e conoscenti…….

Io farei la stesa cosa a chi a fato la foto e al quelo che siemeso in posa

Non bisogna stancarsi mai di denunciare Sti Bastardi…..
Ha ucciso un esemplare essenziale alla specie dei lupi alpini per la riproduzione !

BASTARDO POSSA TROVARE CHI GLI FA FARE LA STESSA FINE E PUBLICHI LA FOTO

Condivido solo perché spero che qualcuno ti riconosca e che si faccia la foto con la tua testa…solo per vedere l’effetto che fa….

Premio coglione dell anno 2016 già assegnato…..complimenti al vincitore

Tra l’enorme quantità di condivisioni almeno una che dice una frase sensata c’è

Che amarezza Che tristezza … Non abbiamo più bisogno si uccidere per vivere … Almeno loro selvatici lasciamoli VIVERE !

La caccia sportiva è un argomento abbastanza complesso, ben diverso dal cacciare per mangiare, ma ci sono tanti fattori da considerare nel caso specifico e intendo il controllo del numero dei predatori, problema per il quale la già citata agenzia governativa deve rendere conto.

Condividere spinti da rabbia e pregiudizi serve solo a diffondere informazioni non corrette. Pensate sempre fino a 10 prima di cliccare su quel maledetto tasto Condividi.

Ricordatevi di amare col cuore, ma per tutto il resto di usare la testa.

neilperri @ butac.it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un caffè!