Chi ha il tempo da perdere per mettere insieme e montare video di quella lunghezza sono persone che non hanno evidentemente null’altro da fare nella vita. Esattamente come coloro che ritengono sensato seguire per due ore e mezza una voce non identificata che gli fornisce miriadi d’informazioni senza alcuna fonte, se non la voce stessa.

Ho tentato di guardare i primi 15 minuti, ma quando già nei primi 4 mi sono trovato di fronte ad almeno una bufala conclamata e svariata disinformazione ho deciso che tanto bastava.

Mi sto riferendo all’ennesimo video realizzato dai Qanoglioni (che è un vocabolo di mia invenzione che unisce QAnon a un’altra parola che spero non serva ripetere per iscritto).

Il video me l’avete segnalato dalla pagina di un signore che l’ha condiviso in un video party social, fino a due giorni fa era disponibile ma il link che avevo io è stato rimosso, il signore che l’aveva condiviso sulla sua pagina però condivide tutto in forma doppia e tripla, quindi è bastato tornare da lui, scrollare i post per ritrovarlo qui. L’altro post col video aveva molti più like e condivisioni di questo ma poco importa. Siamo qui per trattare solo una minuscola notizia nei primissimi minuti del video. Ritengo sia importante per farvi capire quanta poca attenzione questa gente mette nel lavoro che poi condivide in rete. Consci di quanto poco i loro follower siano in grado di verificare.

Janet

Il video è frutto del lavoro di una signora olandese di 53 anni, Janet Ossebaard, signora che negli ultimi venti anni ha diffuso sciocchezze sui cerchi nel grano, sugli alieni, sulle scie chimiche e che ora cavalca la fuffa di Q.

 

Fuffa al quadrato, portata in Italia da soggetti che andrebbero seriamente attenzionati dalla Polizia postale (e non solo). Janet a inizio video viene definita “ricercatrice”, ma stiamo parlando di una fuori di testa che vive in un campeggio da anni e che si è laureata sì, ma in Lingua e letteratura. Non è una ricercatrice, ma solo l’ennesimo soggetto che segue la narrazione di Q. Vicini a Putin e Trump, convinti che questi due soggetti stiano lottando contro un fantomatico Nuovo Ordine Mondiale colpevole di tutti i mali del mondo. Coronavirus incluso.

Come vi ho detto non ho alcuna intenzione di trattare le due ore e mezza di video. Abbiamo già svariati articoli sulle follie di Q e le bufale sulla pandemia.

Il telescopio

L’unica cosa di cui parleremo è la storia del telescopio del Vaticano. Riporta il video:

Lo sapevate che il telescopio del Vaticano si chiama Lucifero?

E mostra quest’immagine:

Secondo questi soggetti, ci sarebbe un telescopio negli Stati Uniti di proprietà del Vaticano che l’avrebbe chiamato Lucifero… (e secondo alcuni servirebbe per monitorare gli alieni).

Come stanno realmente le cose?

Il gioco è molto semplice: si prendono due fatti reali, li si mischia alla buona perché tanto si è consci che i follower di video come questo non faranno mai il minimo sforzo per verificare alcunché, e glieli si dà in pasto.

Fatto numero 1

Dal 1993 esiste un telescopio, costruito con fondi del Vaticano nell’Osservatorio Internazionale del Monte Graham negli Stati Uniti. Si chiama VATT Vatican Advanced Technology Telescope. L’unico altro nome che ha è Alice P. Lennon Telescope.

Ma è questo qui:

Fatto numero 2

È vero, esiste un telescopio, sempre all’interno dell’Osservatorio Internazionale di Monte Graham, fatto come nella foto mostrata nel video. Ma non è del Vaticano, ed è vero che per un po’ è stato chiamato LUCIFER, dall’acronimo Large Binocular Telescope Near-infrared Spectroscopic Utility with Camera and Integral Field Unit for Extragalactic Research. Esiste dal 2005, non ha nulla a che fare con il Vaticano o con il Papa. Ma dal 2012 si chiama solo LUCI, o ancor meglio, Large Binocular Telescope LBT.

Concludendo

Se vedete circolare video che hanno come fonte la “ricercatrice Janet Ossebaard” non perdete ore della vostra vita per guardarli. Chi li condivide è un vettore del cancro che sta molto velocemente infettando la rete. Q. Un cancro che è ormai chiaramente in mano ai sostenitori di Trump e Putin, come dimostrano altri video che circolano in rete…

Pure la mascherina si sono fatti, Bioparco…

Non credo sia necessario aggiungere altro.

maicolengel at butac punto it

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!