Una guida al network marketing – Parte VI

0
2305

Dove eravamo rimasti con la nostra guida al network marketing?

[Parte I]

[Parte II]

[Parte III]

[Parte IV]

[Parte V]


Continuiamo col fact-checking delle affermazioni ricorrenti tra i reclutatori.

La saturazione è un mito, pensa a tutti quelli che nascono ogni giorno. Pensa, se tutti hanno un frigorifero, perchè le aziende di frigoriferi non falliscono?
Falso. Questo sarebbe vero se la crescita demografica andasse di pari passo con la crescita del MLM, ma non è assolutamente così. Ma se tutti optassero per il MLM e volessero continuamente aggiungere un anello alla downline, dovremmo aspettarci anche che ogni anno la popolazione mondiale come minimo raddoppasse, o quanto meno raddoppasse il numero di persone in grado di svolgere tale attività.

La vita di un frigo è inferiore alla vita umana, nonché potrebbe esserci un miglioramento tecnologico (per esempio un consumo energetico minore da parte del prodotto) che porti l’utente a doverlo cambiare. Se i frigoriferi fossero macchine dalla durata millenaria e dal consumo ridotto probabilmente non se ne costruirebbero più, se non per sostituire i guasti accidentali e compensare la crescita demografica, ammettendo che questa si verifichi.

La saturazione dei mercati esiste per qualsiasi prodotto/servizio.

(Se fai presente che la saturazione è una realtà) Sì, ma siamo molto lontani da quel punto
Da valutare localmente. Infatti esistono casi di saturazione del mercato, si deve valutare la presenza di networker di quell’azienda e di aziende concorrenti nella nostra zona/regione/nazione.
Usualmente la situazione è peggiore di quella presentata. Chiedete le prove.

Ormai gli alimenti hanno perso 80% dei nutrienti, per vivere bene dovresti utilizzare questo nostro integratore
Beh, se anche fosse che gli alimenti si sono impoveriti [articolo da sottoporre a fact-checking, ndBUTAC], le mele avrebbero perso una buona quantità di vitamina C, ma è anche vero che esse non sono la fonte principale di vitamina C nella nostra dieta. Sia l’OMS che il Ministero della Salute consigliano una dieta bilanciata in cui non sono presenti integratori. Essi andrebbero assunti dopo che un medico ha riscontrato in noi un problema legato alla mancanza di qualche composto.

LEGGI ANCHE:  Le spie rosse della fuffa

I nostri prodotti costano di più perché si è investito tanto in ricerca e perché possiedono una qualità elevata, la migliore sul mercato
Probabilmente falso. Il prezzo non è indice di qualità, come si è visto e come si vedrà in seguito. Quindi l’affermazione, senza dati certi, è solamente atta a convincere l’acquirente.
Al riguardo Quackwatch scrive:

I consumatori dovrebbero saggiamente evitare prodotti MLM correlati alla salute. Quelli che hanno un valore nutrizionale (come vitamine e alimenti a basso contenuto di colesterolo) sono invariabilmente troppo cari e potrebbero anche non essere necessari.

Ma anche per prodotti non riguardanti il settore dell’alimentazione si possono trovare simili frasi nelle recensioni degli esperti.

Il prodotto arriva direttamente a te, non ci sono intermediari, quindi non ci sono costi aggiuntivi
Falso: le aziende di netowrk marketing hanno dei loro magazzini nelle industrie che producono i prodotti, dei magazzini nelle nazioni in cui questi prodotti vengono esportati e un sistema di distribuzione dei prodotti basato su dei corrieri. La stessa catena di distribuzione di ogni altro business. Ma serviva veramente che lo spiegassi? Se ho un negozio e compro dei prodotti, non funziona in maniera simile?

(In alcuni casi, non rari) Non è vero che è una piramide, se fosse così non potrei mai guadagnare più di chi mi ha sponsorizzato, i soldi che stanno in cima sono un mito
Falso: se lo sponsor e lo sponsorizzato avessero concluso un pari numero di vendite, allo sponsor spetta sempre una commissione sul venduto dello sponsorizzato. Quindi è vero che si può guadagnare anche stando sotto, ma chi ha una lunga e folta downline probabilmente guadagnerà di più; e risulta inutile dire che, quando si entra, si va ad infoltire la downline di chi sta sopra.


La settimana prossima vedremo un po’ di storia del network marketing, e cominceremo a parlare di quali prodotti vengono solitamente venduti da queste aziende.

La Redazione

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon o su PayPal! Può bastare anche il costo di un  caffè!