Le pericolose costellazioni familiari

134
5416

costellazioni

ATTENZIONE: Sebbene discussi per dovere divulgativo, alcuni degli argomenti di questo articolo sono forti e raccapriccianti. Desidero esprimere la mia solidarietà e vicinanza alle vittime.

N.
volantino_fuffa

Ultimamente il vostro affezionatissimo Ninth lavora in quel di Genova per una lunga indagine di mercato. Di ritorno da uno di questi appuntamenti di lavoro, questo foglietto affisso su una cassetta delle lettere, che vedete qui a fianco, ha attirato la mia attenzione.

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE con il Genosociogramma

  • Incontri individuali e di gruppo – “Senza radici non si vola”

Strumenti efficaci e veloci per liberare l’anima dai pesi del passato, lasciare andare emozioni limitanti, migliorare i rapporti, potenziarsi, realizzare i desideri, scoprire il talento

Libera la tua anima dai pesi del passato

Condotte da un Professionista Certificato

A prima vista, il volantino può sembrare un’innocua proposta di aiuto psicologico. Rileggendolo attentamente, però, nulla mi convince. Il volantino pubblicizza una serie di incontri individuali e di gruppo e offre imprecisati “strumenti efficaci e veloci” di aiuto personale per “liberare l’anima dai pesi del passato”. Questi incontri sarebbero condotti da un “Professionista Certificato”, di cui non sappiamo assolutamente il nome, in due appuntamenti il cui luogo degli stessi non è precisato.

Oltre a far presagire una stratosferica ignoranza nel campo della pubblicità, l’uso di termini vaghi e fortemente emotivi e la mancanza di dati aggiuntivi lasciano pensare a una forte ricerca di clienti, senza scrupolo alcuno. L’obiettivo è quello di creare una rete di clienti, presi fra chi è facilmente suggestionabile o emotivamente manipolabile, per proporre loro terapie alternative senza alcuna validità scientifica. Un sospetto alimentato dalla necessità di dover chiedere “informazioni e prenotazioni” a un numero di cellulare… e confermato da quello che leggerete sotto.

Le costellazioni familiari? Semplice cold reading

Un esempio di lavoro con la costellazione familiare: in questo caso, la "vittima" deve onorare i morti (interpretati dai rappresentati).
Un esempio di lavoro con la costellazione familiare: in questo caso, la “vittima” deve onorare i morti (interpretati dai rappresentati). Foto scattata in un laboratorio irlandese.

Stabiliamo in cosa consiste un normale appuntamento con questo tipo di counseling pseudoscientificoLa vittima, qui chiamata “cliente”, entra in contatto con il “facilitatore”, ovvero il presunto professionista certificato (quello del volantino, per intenderci). Spesso la vittima può soffrire di qualcosa di molto serio, anche non diagnosticato, come una depressione cronica o una grave malattia.

Alla vittima viene chiesto di partecipare a un laboratorio particolare: il facilitatore chiede al cliente di lavorare a un problema personale, spesso formulando una richiesta specifica (“Qual è il problema?”) mentre è circondato da altre persone o cose, dette “rappresentanti”, fino a un massimo di trenta persone od oggetti. Questi rappresentanti agiscono come transfer di alcune dinamiche o aspetti della famiglia… almeno, questa è la convinzione diffusa dal facilitatore. 

Cosa accade nella realtà? Il facilitatore chiede ai rappresentanti quali sensazioni stiano provando e loro rispondono, inevitabilmente, che qualcuno nella famiglia della vittima si è inconsciamente identificato con un membro precedentemente morto, o qualcosa di questo tipo. Il cliente prende per vero il responso dei rappresentanti. Esatto: non è la vittima a dire quale sia il suo problema, bensì i partecipantiLa vittima viene costretta a credere di avere addosso la colpa di altri, che può essere espiata solo prendendo il peso di questa su di sé.

Come difendersi

Non è difficile difendersi da queste manipolazioni emotive. Il funzionamento di questa pseudoterapia familiare trova le sue radici nella validazione soggettiva, da parte della vittima, di ciò che i rappresentanti affermano di aver “sentito” e di quanto il facilitatore afferma sulle presunte dinamiche della famiglia. Un mix di letture a freddo (cold reading) usate dal facilitatore, che a sua volta vengono validate non solo dalla vittima, ma rinforzate dal gruppo.

Il facilitatore arriva a usare una tecnica di lettura a freddo perché ha scarse competenze ed esperienze nel campo della psicologia. Affinché si abbia una vera competenza in fatto di psicologia e psicoterapia, ci vogliono anni e anni di studi, soldi, sudore e fatica. Il cosiddetto certificato altro non è che un misero attestato di frequenza, vuoto di qualunque valore scientifico, rilasciato dopo aver seguito un seminario di pochissime ore (spesso una ventina).

LEGGI ANCHE:  Esposti, querele e vaccini - voi state male!

Giustificazioni pseudoscientifiche e abusi emotivi

Le costellazioni familiari e sistemiche sono pratiche terapeutiche per nulla scientifiche. Esse rappresentano la base di una branca detta psicogenealogia, definita come “disciplina che esamina i legami affettivi”, cioè quelli che uniscono la famiglia tra discendenti e antenati (fonte). Attenzione, però: qui non si parla di “albero genealogico” dei discendenti, bensì di un concetto astratto e confuso scambiato per “prospettiva psico-sociale” e rappresentato dal “genogramma”, o “genosociogramma” che dir si voglia. Questo schema rappresenterebbe la famiglia come “un sistema basato su di un insieme di relazioni” e avrebbe il presunto intento di offrire una “visione di insieme” delle dinamiche familiari.

fraudalert_zps76a79536Nella realtà, non c’è nulla di scientifico o psicoterapeutico in tal senso. Secondo il falso modello psicologico detto “transgenerazionale”, il genosociogramma di ogni famiglia è una rete di presunte ingiustizie più o meno sottaciute e mai pareggiate, messe insieme in un fantomatico “libro dei conti”. Queste ingiustizie vengono subite o ereditate dai discendenti sotto forma di malattie o altre sventure.

[Le ingiustizie sono: m]alattia; incidenti; malformazioni; terremoti; incendi; tempeste; allagamenti; vandalismo di un incontro sportivo; violenza; aggressione sessuale; bombe terroristiche; stupro; abuso; errori giudiziari; suicidi; lunghe incarcerazioni; eredità non concesse; amori non approvati. (Fonte: FAQ Psicogenealogia. Cos’è la giustizia familiare?)

Sarebbe pura e semplice fuffa New Age, se non fosse per quei piccolissimi dettagli che la rendono oltremodo disgustosa e oscena: abbiamo una figura carismatica senza qualifiche vere e proprie che pratica, assieme ad alcuni seguaci, una ritualità di gesti e parole che fanno a capo di una “forza psichica invisibile” che spiega come risolvere le malattie. Notate nulla di familiare? Ebbene sì: è uno stratagemma simile a quello operato dai guaritori spirituali, come il Circolo degli Amici di Bruno Groening.

Non è un caso infatti che il MIViLuDES francese, in un rapporto del 2008, abbia lanciato l’allarme su queste terapie antiscientifiche e dalla forte deriva settaria. Non è un caso che questa pseudoterapia abbia trovato terreno fertile fra i gruppi New Age ed esoterici in generale. Non aiuta, infine, che la maggior parte di questi pseudoterapeuti provengano da circuiti vicini alle medicine alternative.

La dinamica vittimocentrica

Le “costellazioni familiari” tendono a ricondurre qualunque stato di malattia fisica o psichica al comportamento della vittima, o della famiglia che la circonda. Per queste persone,

In sintesi, per i promotori, si tratta di una forma giustificazionista dell’aggressore o di chi commette il crimine. Anziché fornire alla vittima gli strumenti necessari per analizzare con occhio critico il tutto, la colpa viene sempre spostata sul cliente che ha deciso di prendere parte a questa forma di counseling pseudoscientifico.

Chi conosce il mio modo di fare inchiesta sa bene che di solito appoggio ciò che scrivo con solide prove e collegamenti intertestuali. Mai come in questo caso mi sto vergognando di dare anche solo la più piccola frazione di visibilità a questi spacciatori di fuffa.

La pseudoscienza di Hellinger e Sabbah

bert_hellinger
Bert Hellinger

Bert Hellinger

Massimo rappresentante di questa pseudoscienza è Bert Hellinger, ex-prete cattolico e psicoterapeuta tedesco con una visione fatalista del mondo. Di lui ha parlato ampiamente lo Skeptic’s Dictionary, che potete trovare qui. Secondo la teoria pseudoscientifica di Hellinger, esistono “connessioni inconsce con i destini degli antenati”; tali connessioni (gli irretimenti) devono essere rivelate dalla vittima di esse, altrimenti non sarà possibile applicare la psicoterapia. Queste colpe non sono tramandate veramente per via genetica o di memorie soppresse, bensì di “campi di energia” con tanto di “memoria e capacità di influenza”, le quali ci connetterebbero con persone, cose, città e animali del passatoFuffa quantica allo stato puro, senza riscontro scientifico e psicologico vero e proprio.

LEGGI ANCHE:  Le spie rosse della fuffa

Ma non è tutto. Secondo Hellinger, l’omosessualità è una malattia per la quale un bambino deve assolutamente assumere i sentimenti di una sorellina morta, o mai nata, in famiglia. L’incesto, invece, segue la falsariga dello stupro: la moglie si allontana dal marito e, poiché rifiuta di avere rapporti sessuali con lui, la figlia prende inconsciamente il posto della madre. Una visione raccapricciante, totalmente accondiscendente nei confronti dell’uomo e ampiamente sfatata dalla psicologia moderna – quella che i promotori di questo metodo pseudoscientifico non seguono. Idee del genere hanno anche riscontri mortali, come riportato in questo lungo resoconto.

A Liepzig, nel 1997, una donna sofferente di una forte depressione e afflitta da seri problemi relazionali si è suicidata dopo aver partecipato a un incontro delle “costellazioni familiari”. Aveva cercato un rifugio nella pseudoterapia di Hellinger, ma l’unico commento di quest’ultimo fu tutto fuorché empatico e comprensivo. Anzi, tradì una forte volontà di smarcarsi dalle critiche: “Non avevo capito che fosse suicida. L’ho vista solo per tre minuti.”

Nel 2005, lo psichiatra Nelleke Nikolai scrive di stare alla larga dalle costellazioni familiari. Lo psichiatra ha raccolto le testimonianze di quattro vittime di incesto che avevano cercato rifiugio in uno di questi laboratori (fonte):

“Volevano perdonare il colpevole, ma non erano in grado di farlo, così si sentivano ancora più in colpa. Non si può forzare il perdono. Si può perdonare solo se si dispone di un quadro coerente del colpevole, i suoi lati buoni e cattivi. Se lo vedi, insomma, non solo come un mostro.”

Ovviamente, anche in questo caso chi appoggia il metodo di Hellinger tende a smarcare le critiche con una falsa giustificazione: “Noi non diciamo di perdonare chi ha commesso l’errore, bensì spingiamo la persona a perdonarsi di essere finita in quella situazione”. Una descrizione che cozza con quanto scritto finora, poiché come abbiamo visto, viene elaborata una situazione di colpa non esistente.

claude-sabbah
Claude Sabbah

Claude Sabbah

L’altro rappresentate spesso citato dai promotori di questa pseudoscienza è Claude Sabbah. Egli è il fondatore della visione pseudoscientifica detta “Biologia Totale degli Esseri viventi”, la quale vede la malattia come “una risposta biologica dotata di senso”, senso basato sulle Cinque Leggi Biologiche individuate dal falso dottor Hamer. Esatto: Sabbah è in realtà un discepolo di una terapia alternativa assassina propinata da un antisemita che vieta tassativamente l’uso di medicine e terapie funzionanti, portando alla morte della vittima. È la stessa, fra le tante, che la soubrette decadente Brigliadori adora diffondere anche con violenza, non solo verbale, arrivando a sostituirsi con arroganza a Veronesi e altri veri studiosi.

fb_img_14779984964302322

Purtroppo anche Claude Sabbah ha seguito le orme mortali del dottor Hamer: è stato infatti riconosciuto colpevole della morte di un malato di cancrocondannato nel 2015 a 2 anni e una multa di 30.000 € dal tribunale di Montpellier.

Restate scettici, restate diffidenti. Diffidate da chi vi promette di liberarvi dal peso del passato, dandovene un altro di cui non avete alcuna responsabilità. Non accettate consigli da questi signori: affidatevi a un vero psicologo o psicoterapeuta, che stabilirà di volta in volta la terapia da seguire.

Il Ninth
[[email protected]]

Se ti è piaciuto l’articolo, sostienici su Patreon! Può bastare anche il costo di un caffè!